Oh no, Matteo Berrettini rinuncia alle Olimpiadi di Tokyo (ed ecco spiegato perché non ci sarà)

·2 minuto per la lettura
Photo credit: TPN - Getty Images
Photo credit: TPN - Getty Images

La vistosa fasciatura alla coscia sinistra esibita alla finale di Wimbledon contro Novak Đoković ci aveva fatto preoccupare, ma pensavamo che sarebbe riuscito a superare l'impasse in tempo per Tokyo 2021. E invece niente da fare: con immenso dispiacere di tutti Matteo Berrettini non parteciperà alle Olimpiadi. A darne notizia dal suo profilo social è lo stesso atleta, che sarà costretto a diverse settimane di riposo per un importante risentimento muscolare. "Sono estremamente dispiaciuto di annunciare la mia cancellazione dalle Olimpiadi di Tokyo. Ieri mi sono sottoposto ad una risonanza per controllare l'infortunio alla gamba sinistra che mi sono procurato durante Wimbledon e l'esito non è stato ovviamente positivo. Non potrò competere per alcune settimane e dovrò stare a riposo".

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Oh no, e ora per chi tiferemo? Avevamo già imparato a riconoscerlo dagli spalti, con il berretto sempre girato indietro – il suo marchio di fabbrica –, a elencare i successi del suo palmares – finale a Wimbledon e a Madrid, quarti al Roland Garros e vittoria al Queen's i migliori risultati – e a distinguere a colpo d'occhio i suoi servizi impeccabili. Ci eravamo ormai appassionati alla parabola in continua ascesa del bravo ragazzo di Roma che da Nuovo Salario è arrivato a essere il numero uno del tennis italiano e il numero otto dell'Atp, l'associazione che riunisce i giocatori professionisti del tennis maschile di tutto il mondo. E invece, almeno per il momento, dovremo fare a meno di lui, che di certo con la sua partecipazione avrebbe regalato all'Italia qualche gioia in più nel medagliere. Una vicenda per certi versi simile a quella di Larissa Iapichino, che per una distrazione del legamento è stata costretta a ritirarsi da quella che, ad appena 19 anni, sarebbe potuta essere la sua prima Olimpiade.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Protagonista di una delle stagioni più felici dello sport italiano insieme alla Nazionale di Roberto Mancini, Matteo Berrettini non verrà sfortunatamente sostituito dal momento che, per regolamento, l'Itf non consente cambi rispetto alla rosa indicata dai comitati olimpici dopo il 16 luglio. Dunque, a conti fatti e salvo ulteriori cambi di programma dell'ultimo minuto, saranno sei gli azzurri del tennis qualificati che parteciperanno ai Giochi Olimpici di Tokyo 2021 e a cui andrà tutto il nostro supporto: Fabio Fognini, Lorenzo Sonego e Lorenzo Musetti (che ha preso il posto di Jannik Sinner, ritiratosi) per il maschile e Sara Errani, Camila Giorgi e Jasmine Paolini per il femminile, per un totale di 384 atleti (197 uomini e 187 donne) dell'Italia Team. "Rappresentare l'Italia é un onore immenso e sono devastato all'idea di non poter giocare le Olimpiadi. Faccio un grosso in bocca al lupo a tutti gli atleti italiani, vi supporterò da lontano ma con tutto me stesso" – ha concluso il nostro Berrettini, amareggiato per questo inaspettato ritiro. Non preoccuparti Matteo, tu ci rappresenterai sempre e comunque.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli