Oli derivati dalla frutta: i consigli per ottenerli

·2 minuto per la lettura
olio bucce frutta
olio bucce frutta

Estrarre l’olio dalle bucce di frutta è molto utile perchè gli oli essenziali hanno un gran numero di utilizzi differenti. Questi sono infatti ricchi di benefici per la salute, ma possono anche essere impiegati in cucina o per realizzare progetti di fai-da-te. Scopriamo insieme come si può ottenere in casa l’olio partendo dalla buccia della frutta.

Come estrarre l’olio dalle bucce di frutta

Per estrarre l’olio dalle bucce di frutta dovete per prima cosa lavare il frutto in modo da eliminare tutti i batteri presenti sulla buccia. Se volete ottenere l’olio essenziale dagli agrumi, vi suggeriamo di preparare almeno 25 frutti in quanto l’olio è presente soprattutto nelal parte esterna della buccia mentre la parte chiara ne è quasi priva. A questo punto sbucciate la frutta con un pelapatate oppure con un coltello.

A questo punto potete iniziare a spremere le bucce utilizzando un mortaio e pestello. In alternativa potete usare anche uno schiacciapatate. Ricordate la spremitura a freddo è abbastanza faticosa e non permette di ottenere grandi quantità di olio, ma comunque quello ottenuto risulta essere molto forte.

Lasciate riposare il liquido ottenuto per alcuni giorni in modo che l’olio si separi dall’acqua. In alternativa vi suggeriamo di usare una centrifuga per dividere le due sostanze. Sistemate l’olio in un piccolo recipiente di vetro o in una bottiglietta e tenete a mente che la durata è di pochi mesi.

Un altro metodo per ottenere l’olio dalla buccia è quello di utilizzare l’alcol. In questo caso dovrete far seccare le scorze della buccia e poi tagliarle in pezzi. Sistemate poi le bucce in un barattolo di vetro e copritelo con alcol (potete usare la vodka per esempio). Dopo alcuni giorni filtrate il liquido con un filtro da caffè e mettetelo in un secondo contenitore. Coprite questo con una garza e attendete qualche giorno fino a quando l’alcol non sarà evaporato.