Orlando Forte e Evan Whitten sono le belle (bellissime) scoperte di Venezia 2021

·1 minuto per la lettura
Photo credit: courtesy
Photo credit: courtesy

Nel film I nostri fantasmi di Alessandro Capitani, Orlando Forte sembra un piccolo Mowgli uscito dalla giungla: capelli lunghi e grandi occhi scuri. Ha 8 anni, papà musicista e mamma attrice di teatro. È stata un’amica montatrice a dire a sua madre: «Tuo figlio per il film sarebbe perfetto». E dopo i primi “non sono capace», in casa ha iniziato a “giocare a fare l’attore”. Ha superato i provini e ha avuto la parte. La cosa più bella? «Nella scena della “gomma miracolosa” che ci fa diventare invisibili, a ogni ciak mi davano una nuova gomma da masticare: era buonissima».

Nella favola di Ana Lily Amirpour, Mona Lisa and the blood moon, succedono Stranger things: una ragazza con superpoteri scappa da un ospedale psichiatrico e il suo unico amico è un ragazzino di 11 anni con un dono pure lui - disegna benissimo - bullizzato dai compagni. Outsider + outsider, lui è convinto di essere un peso per la mamma single lapdancer (Kate Hudson) e fuggono insieme. È interpretato da Evan Whitten, 12 anni, e te lo porteresti a casa. L’abbiamo già visto in Mr. Robot e The Resident.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli