Orzaiolo, rimedi naturali: quali sono i più efficaci

orzaiolo

Non tutti sanno cosa sia, ma chi ha avuto la sfortuna di soffrire di orzaiolo sa bene quanto fastidio e disagio questa momentanea malattia dell’occhio può creare. L’orzaiolo è un lieve rigonfiamento che si può venire a creare sulla palpebra dell’occhio e che generalmente passa da solo in pochi giorni, ma che può generare dolori e difficoltà visive. Per questo sin dall’antichità esistono molto rimedi naturali che aiutano a lenire i sintomi della malattia e a velocizzare la guarigione e noi ve li elenchiamo in questo articolo.

Rimedi facili e veloci per curare l’orzaiolo

Qui di seguito troverete un elenco di rimedi naturali per far passare più velocemente l’orzaiolo, ma fate attenzione a tenere sempre gli occhi chiusi durante l’applicazione dei composti che userete.

Olio extravergine di oliva

Creare un impacco utilizzando due cucchiaini di olio e un insieme di garze o bende e applicarlo più volte sull’occhio affetto da orzaiolo per ottenere un effetto antinfiammatorio e lenitivo.

Tè verde

Applicare direttamente delle bustine di tè verde sull’orzaiolo dopo averle lasciate raffreddare per almeno una mezz’ora. Le componenti presenti in questa tipologia di bevanda hanno un potente effetto calmante che aiuterà a sgonfiare l’orzaiolo.

Acqua calda

Un rimedio sempre molto utile quando si tratta di infiammazioni e infezioni sono gli impacchi di acqua calda. La temperatura elevata di quest’ultima aiuta a disinfettare la zona compromessa. Nel caso dell’orzaiolo fate bollire l’equivalente di un bicchiere d’acqua e create un impacco immergendovi uno spesso panno di stoffa. Dopodiché lasciate raffreddare per qualche minuto e premete delicatamente la stoffa sulla palpebra.

Gel di Aloe Vera

L’aloe viene spesso utilizzato nell’industria cosmetica e in quella medica grazie alle sue proprietà purificanti e lenitive, le quali si rivelano particolarmente utili anche nel trattamento delle infezioni lievi come l’orzaiolo. Preparate un impacco di succo di aloe vera usando batuffoli di cotone imbevuti in quest’ultimo e raccolti in una benda, oppure applicate direttamente sulla palpebra una foglia di aloe dopo averli incisa.

Menta

Stando molto attenti a non far avvenire alcun contatto diretto con l’iride dell’occhio, utilizzate delle foglie di menta sminuzzate e inumidite per creare uno strato di copertura sulla palpebra dell’occhio e ottenere così un rimedio rinfrescante e naturale.

Camomilla

Applicate una bustina di camomilla tiepida direttamente sulla palpebra e lasciate riposare per un quarto d’ora circa. Questo procedimento andrà ripetuto almeno 3 o 4 volte al giorno per poter sfruttare appieno delle qualità calmanti e antinfiammatorie di questo fiore.

Foglie di acacia

Comprate una manciata di foglie dall’erbolario o dal vostro vivaio di fiducia e mettete in una pentola con acqua ad ebollizione, facendo sobbollire il tutto per 5 minuti. Filtrate l’infuso ottenuto e immergetevi una benda di cotone che andrete ad applicare sull’orzaiolo dopo qualche minuto di raffreddamento.

Curcuma

Utilizzate 2 cucchiai di curcuma in polvere per ottenere un liquido che sarà pronto una volta lasciata evaporare una quantità d’acqua pari alla metà di quella originale. A questo punto filtrate l’infuso ottenuto utilizzando un tessuto molto sottile per eliminare tutti i granelli di curcuma e applicare qualche goccia di infuso direttamente sull’orzaiolo almeno un paio di volte al giorno.

Fate molta attenzione a non versare accidentalmente all’interno dell’occhio il liquido ottenuto poiché questo può rivelarsi irritante per la mucosa di questa parte del corpo e ha lo sgradevole effetto di tingere la parte bianca dell’occhio di un giallino poco gradevole.

Malva ed Eufrasia

Utilizzate le foglie e i fiori di queste due piante profumate (che potete facilmente trovare in farmacia) per creare un impacco da applicare direttamente sulla palpebra interessata il quale deve essere lasciato in posa per almeno una mezz’oretta.