Padova, il neonato scosso dalla madre non ha più attività cerebrale


Il neonato di cinque mesi ricoverato all'ospedale di Padova da sabato 21 dicembre dopo essere stato scosso violentemente dalla madre durante una crisi di pianto non presenterebbe più alcuna attività cerebrale. Per accertare il decesso è al lavoro una commissione di medici che, nel giro delle prossime 24 ore, e quindi entro il tardo pomeriggio del 28 dicembre, dovrebbe decidere anche se staccare le macchine che tengono in vita il piccolo.

Solo il 26 dicembre i medici avevano detto di “avere ancora qualche speranza”.


GUARDA IL VIDEO: Totti e Ilary dai bambini della Comunità di Sant’Egidio


Sarà poi compito della Procura della Repubblica di Padova avviare le indagini del caso e, eventualmente, accertare le responsabilità modificando le accuse mosse inizialmente alla madre, che da lesioni gravissime aggravate diventerebbero omicidio colposo. Il bambino era stato ricoverato perché in coma dopo essere stato scosso dalla madre "che non si sarebbe resa conto di quello che stava facendo", secondo l'avvocato della donna, Leonardo Massaro. "Non dormiva, l'ho cullato troppo forte", avrebbe detto la madre, 29 anni, durante la telefonata al 118.