Palù, 'su uso AstraZeneca e J&J non escludiamo altre scelte'

·1 minuto per la lettura

"L'Ema non ha posto condizioni di età e sesso per questo tipi di vaccini a vettore adenovirale. La nostra agenzia ha previsto un uso preferenziale sopra i 60 anni, non significa escludere altre scelte". Lo afferma Giorgio Palù, virologo e presidente dell'agenzia italiana del farmaco (Aifa), in un'intervista al 'Corriere della Sera' rispondendo alla domanda se l'Aifa aprirà anche alla somministrazione dei vaccini AstraZeneca e J&J sotto i 60 anni. Però sarebbe consigliabile indirizzare i giovani verso altri prodotti? "I benefici di AstraZeneca - avverte Palù - superano sempre i rischi, dai 18 anni in su, ma la somministrazione in età giovanile andrebbe considerata con molta attenzione tenendo conto degli eventi di trombosi venosa profonda con carenza di piastrine riportate soprattutto in persone sotto i 60 anni".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli