Panettoni a regola d'arte

Di Danilo Ascani
·1 minuto per la lettura
Photo credit: Courtesy photo, elaborazione grafica Silvia M. Reppa.
Photo credit: Courtesy photo, elaborazione grafica Silvia M. Reppa.

From Marie Claire

Incarti decorati da opere d'arte e da volti di personaggi illustri, ma anche scatole in latta da collezione. I panettoni si vestono a festa e sfoggiano tutto il loro fascino, oltre alla loro consueta dose di dolcezza. Le novità firmate Vincente Delicacies - laboratorio di pasticceria a Bronte - rendono omaggio a Vincenzo Bellini, Luigi Pirandello, Antonello da Messina, Leonardo Sciascia, Claudia Cardinale, Sant'Agata e ai Pupi. Mentre lo storico Giovanni Cova & C. - eccellenza milanese che quest'anno compie novant'anni - promuove il genio del maestro Raffaello con un lievitato fatto a regola d'arte: il panettone è custodito in una latta su cui è stampato lo Sposalizio della Vergine. Ad accompagnarlo un libretto delle opere dell'Urbinate e un buono sconto per le pinacoteche di Brera e per l'Ambrosiana di Milano. Un salto tra i colori della Pop Art lo regala, invece, Bonfissuto che dal proprio laboratorio di Canicattì ha realizzato un panettone con canditi siciliani, cioccolato di Modica e Malvasia, racchiuso in una latta su cui campeggia il ritratto di Andy Warhol e i suoi iconici Flowers dai toni fluo. Côté design è l'acclamato progettista Piero Lissoni a tratteggiare su una boîte da collezionare i principali monumenti e landmark della sua Milano. Il risultato è un panettone in edizione limitata di Molino Pasini, nell'interpretazione dell'acclamato pastry chef Andrea Tortora.

Photo credit: Courtesy photo
Photo credit: Courtesy photo
Photo credit: Courtesy photo
Photo credit: Courtesy photo
Photo credit: Courtesy photo
Photo credit: Courtesy photo
Photo credit: Courtesy photo
Photo credit: Courtesy photo