I pantaloni di Zegna sono tutto ciò che vorrai per l'autunno inverno 2021 2022

Di Redazione
·1 minuto per la lettura
Photo credit: Courtesy ermenegildo zegna
Photo credit: Courtesy ermenegildo zegna

From Esquire

Comincia un'altra Milano Fashion Week un po' strana, durante la quale gli eventi saranno per la maggioranza digital, con poche sfilate dal vivo e a porte chiuse. Si apre, come da tradizione, con Ermenegildo Zegna, che presenta la collezione dal tema Re(Set) per l'autunno inverno 2021 2022. Il sottotitolo spiega tutto: (Re)Tailoring the Modern Man. Cioè rifare il vestito all'uomo moderno, azione che prende le mosse dalle tradizioni sartoriali dell'abito elegante, ma che sappia farsi anche abito contemporaneo.

Photo credit: Courtesy ermenegildo zegna
Photo credit: Courtesy ermenegildo zegna

Un programma che il direttore artistico di Zegna, Alessandro Sartori, porta avanti da tempo. La revisione sartoriale delle forme e delle proporzioni trova per l'autunno inverno 2021 2022 un protagonista principale: il pantalone, che in quasi ogni uscita è ampio, morbido, ma sempre elegante, ben tagliato e ben disegnato. Pantaloni oversize che sembrano tute, o pigiama, vale a dire i più comodi dell'intero guardaroba maschile.

Photo credit: Courtesy ermenegildo zegna
Photo credit: Courtesy ermenegildo zegna

Questi pantaloni sono abbinati a maglioni anch'essi ampi e comodi, dall'intento quasi confortante, a giacche con chiusura a vestaglia, che sembrano infatti giacche da camera, a capispalla loose fit sulle spalle e sui fianchi. Nella quasi totale assenza di spigoli e affilature, in una collezione in cui anche le scarpe (soprattutto mocassini) sembrano spesso babbucce da camera, i pantaloni fanno da sintesi di tutta un'estetica.

Photo credit: Courtesy ermenegildo zegna
Photo credit: Courtesy ermenegildo zegna

Anche i colori dominanti ribadiscono questa scelta, con toni dal nudo al marrone che richiamano una volta di più il bisogno di comfort, se non proprio di coccole, dai propri abiti.

Photo credit: Courtesy ermenegildo zegna
Photo credit: Courtesy ermenegildo zegna