Paola Barale: ‘Senza Madonna oggi farei l’insegnate di ginnastica’


Paola Barale è tornata a parlare con ‘Il Corriere della Sera’ dei suoi esordi nel mondo dello spettacolo. Ha sottolineato come se non fosse esistita Madonna, lei oggi farebbe l’insegnante di ginnastica. Per tanti anni ha infatti lavorato come sosia della Regina del Pop.
“Non mi ci rivedevo ma mi è servito tantissimo. Se non fosse esistita Madonna oggi sarei un’insegnante di ginnastica. Lei ai tempi era unica, senza considerare che ballava benissimo. Non era facile per me ma l’ho fatto perché all’epoca mia mamma mi dava 5mila lire di mancia a settimana mentre per fare Madonna mi davano un milione a sera”, ha detto la 55enne al quotidiano.
Sulla somiglianza con la diva italoamericana ha aggiunto: “Me lo dicevano un po’ tutti e in effetti era vero. Bastava mettermi un rossetto rosso e diventavo lei. Grazie a questo lavoro ho preso il mio primo aereo. Mi ritrovavo con gli altri sosia, quelli di Michael Jackson, Grace Jones, eravamo un gruppo. Mia mamma mi cuciva i costumi. Ma una volta un imprenditore di Parigi, fan di Madonna, mi ha chiamata per uscire da una torta. E lì ho detto basta, non ce la posso più fare”.
Prima di tornare sul piccolo schermo nel talent di Milly Carlucci, Paola si è presa una lunghissima pausa dalla televisione. “Ho voluto uscire di scena quando stava cambiando il linguaggio televisivo, ma certo non volevo uscire totalmente. Poi le cose sono andate come sono andate. Ma la mia crescita personale c’è stata e mi spiace se spiazza le persone. Tutti mi chiedevano di tornare: ho sempre avuto il supporto del pubblico però vorrei si capisse che sto solo cercando di essere coerente con me stessa”, ha concluso.