Paola Ferrari: «Sono stata presa di mira in modo volgare e forte»

·1 minuto per la lettura

Le cicatrici sul viso di Paola Ferrari? Vanno ben oltre la pelle.

Nel 2014, la giornalista sportiva si è fatta operare al volto per un carcinoma nodulare infiltrante, la cui rimozione totale ha richiesto l'inserimento di oltre 40 punti di sutura.

«Anche se mi sono messa una corazza e ci faccio autoironia», afferma Paola Ferrari ai microfoni di "La Verità".

«Il fastidio è più perché nessuno mi ha mai difesa e per la solita ipocrisia di questo Paese. Si parla tanto di critiche sull'aspetto fisico delle donne, ma io sono stata presa di mira in modo volgare e forte, anche da molti comici della sinistra, paladini delle donne quando fa comodo a loro», puntualizza la Ferrari.

«Ma sa che c'è? Che sulla professionalità è difficile attaccarmi: faccio i miei errori, ma cerco di essere preparata. E allora ecco: sei vecchia, se vieni bene è merito delle luci».

Dal 2022, la 60enne lascerà la sua posizione in Rai per dedicarsi alla Lucisano Media Group: società di distribuzione e produzione cinematografica in cui è tra gli amministratori, attualmente impegnata al documentario su Marco Pannella, "Romanzo Radicale".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli