Pare proprio che William sia “più che mai pronto" a diventare re, ma cosa ne pensa Elisabetta?

·3 minuto per la lettura
Photo credit: Chris Jackson - Getty Images
Photo credit: Chris Jackson - Getty Images

Tre figli, 39 anni e un’importante eredità da gestire. Non parliamo di un uomo qualunque, ma del Principe William, duca di Cambridge, che secondo quanto riporta il giornale francese Madame Le Figaro sarebbe “più che mai pronto” a diventare re. L’ultima immagine che abbiamo di lui è quella che lo ritrae in compagnia del primogenito George (elegantissimo) e della moglie Kate Middleton, tutti un po’ sconsolati, dopo che l’Italia ha battuto l’Inghilterra ai rigori durante la finale degli Europei 2020. Ma il reale britannico è in realtà una persona molto solare e spontanea, ormai consapevole del proprio ruolo, soprattutto dopo Megxit e la partenza del fratello Harry verso gli Stati Uniti.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Dall’inizio del lockdown il principe William non ha mai smesso di garantire i suoi impegni ufficiali, onorando i suoi doveri anche in modalità videoconferenza, dalla sua residenza di Anmer Hall. A marzo 2020, con un post Instagram, il duca di Cambridge è stato il primo membro della famiglia reale a esprimersi pubblicamente sulla pandemia, elogiando i moti di solidarietà di tutto il popolo britannico. Numerose sono le qualità apprezzate dai tabloid britannici. Certo, piacere ai giornali non è un requisito per governare, ma in passato la stampa inglese ha sempre avuto un ruolo fondamentale, orientando la percezione dell’opinione pubblica sulla famiglia reale. Di William si dice che sia elegante quando indossa un completo o un tuxedo, apprezzi le altre culture, si trovi a proprio agio tra la gente e si interessi di salute mentale. E sappiamo anche che è in prima linea quando si tratta di climate change, visto che ha firmato l'introduzione del libro Earthshot: How to Save Our Planet, in libreria dal prossimo autunno. Lo scorso giugno non ha mancato l’importante appuntamento del G7, tenutosi in Cornovaglia, dove ha fatto gli onori di casa incornando i coniugi Macron.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Al suo fianco c’è sempre la duchessa di Cambridge, con la quale ha da poco celebrato i dieci anni di matrimonio. “Il loro destino li accomuna”, ha spiegato sulle colonne di OK! Magazine Katie Nicholl, esperta della famiglia reale. “Qualcuno che li conosce molto bene mi ha riferito che William ha avuto un ripensamento: se una volta l’idea che sarebbe diventato re lo sconvolgeva, ora è più che mai pronto ad assumere questo ruolo”. È il secondo in linea di successione dopo il padre Carlo (ma nel frattempo Long live the Queen), e in passato non aveva mai nascosto le preoccupazioni sul suo futuro. Come riportava il British Heritage, durante un’intervista rilasciata al corrispondente reale Nicholas Witchell, il duca di Cambridge aveva ammesso che diventare re non era in cima alla lista delle sue priorità.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Ma il vento sta decisamente cambiando, nonostante l’estate britannica faccia fatica a ingranare e le temperature si mantengano miti, la coppia ha deciso di trascorrere le vacanze nel Regno Unito, optando per un clima più familiare all’insegna delle attività all’aperto. “Se negli anni precedenti li abbiamo visti godersi vacanze sontuose sugli sci o in luoghi soleggiati, quest’anno hanno adottato un approccio più regale e tradizionale, decidendo di trascorrere il loro tempo nelle residenze di famiglia”, spiega ancora una volta Katie Nicholl. “Certo - conclude - può essere anche una conseguenza delle restrizioni Covid imposte sui viaggi, ma sono sicura che William e Kate si stiano trasformando nei futuri re e regina”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli