Parkinson: come intervenire naturalmente

·2 minuto per la lettura
cure naturali morbo parkinson
cure naturali morbo parkinson

Per contrastare i tremendi effetti del morbo di Parkinson e rallentarne l’avanzamento è possibile sfruttare alcune cure naturali. Questa patologia degenerativa del sistema nervoso centrale danneggia i neuroni in maniera irreversibile, ma ci sono dei rimedi naturali che aiutano chi ne è affetto a controllare i sintomi e rinforzare l’effetto dei farmaci.

Cure naturali per il morbo di Parkinson

Ci sono alcune cure naturali che permettono di aiutare chi soffre del morbo di Parkinson. Questi rimedi infatti riducono la disabilità e permette di tenere sotto controllo i sintomi della malattia. Tra i rimedi naturopatici che danno una mano importante a chi ha il Parkinson ci sono certamente le vitamine del gruppo B. Per migliorare le funzioni cognitive e ritirarne il degrado è molto utile un mix di vitamine B9 (acido folico), B6 (piridossina), B12, B3 e B1.

La vitamina D è un micronutriente molto utile per preservare la salute del cervello. Sono molti gli studi infatti che hanno dimostrato come bassi livelli di questa vitamina provochino un aumentato rischio di veder insorgere delle malattie neurodegenerative. Proprio per questo l’assunzione di vitamina D aiuta a prevenire il morbo e a contenerne gli effetti negativi.

Il coenzima Q10 provoca un rallentamento della progressione della malattia e migliora in maniera molto importante la qualità della vita di chi è malato. Questo perchè il coenzima Q10 migliora l’utilizzo dell’ossigeno a livello cellulare e difende anche i mitocondri dallo stress ossidativo.

Un altra cura naturale è la macuna. Questa possiede delle proprietà contro il Parkinson che sono state confermate da alcuni studi in merito. La pianta infatti contiene una buona dose di amminoacido catecolico L-DoPA, sostanza presente anche nei farmaci contro il Parkinson.

L’estratto di ginkgo biloba è utile per via dei numerosi effetti positivi che offre sul cervello. Il rimedio in questione infatti aumenta il flusso del sangue cerebrale e promuove l’utilizzo del glucosio da parte dei neuroni. La bacopa è utilizzata nella medicina tradizionale indiana e ha effetti benefici sulle funzioni cognitive.