Pd, Enrico Letta è il nuovo segretario nazionale

Primo Piano
·5 minuto per la lettura

È il giorno di Enrico Letta, rieletto segretario del Pd a distanza di sette anni dalla sua uscita di scena. L'assemblea dei Dem ha infatti riportato l'ex premier a capo del partito con un'elezione all'unanimità (860 sì, 2 no, 4 astenuti), dopo le dimissioni di Nicola Zingaretti, annunciate lo scorso 4 marzo.

"Voglio iniziare ringraziando Nicola Zingaretti. Ti ringrazio per avermi cercato, lavoreremo insieme". Sono le prime parole di Letta, nella sua lunga relazione davanti all'assemblea. Per la prima volta, causa Covid, i lavori degli oltre mille delegati sono in videoconferenza.

LEGGI ANCHE: Letta: "Dal virus non si esce da soli"

"Vorrei che oggi la discussione non si chiudesse, ma iniziasse - ha spiegato Letta - Lunedì presenterò un vademecum di idee da consegnare al dibattito dei circoli per due settimane. Ne discutiamo insieme e poi facciamo sintesi in una nuova assemblea".

"Porrò il tema delle donne al centro della politica". "Lo stesso fatto che sia qui io e non una segretaria donna - ha evidenziato Letta - dimostra che esiste un problema" sulla parità di genere. "Io metterò al centro" il tema delle donne: è "assurdo" che sia un problema.

Zingaretti: "Letta è persona giusta per guidare il Pd"

"Caduta della pandemia come caduta del Muro di Berlino, Pd deve esserci". "La caduta della pandemia - ha affermato Letta - avrà la stessa forza energetica che ha avuto per quelli della mia generazione la caduta del muro di Berlino. La nostra canzone fu 'Wind of changes'. Noi dobbiamo far sì che quello straordinario momento di entusiasmo si ripeta con la caduta della pandemia e noi come il Pd abbiamo il dovere di esserci, non con lo sguardo al nostro ombelico ma nella società".

LEGGI ANCHE - Letta segretario Pd: da Di Maio a Salvini, tutte le reazioni

"Parola chiave partecipazione, mettere insieme anima e cacciavite". "La parola chiave - ha aggiunto - è partecipazione, se mi eleggerete sulla partecipazione lavorerò come segretario. E poi l'idea di mettere insieme l'anima e il cacciavite. La nostra politica deve essere questo. Metterle insieme e non staccarle mai".

"Non arrivo qui esaltato, ma per fare cose". Tornando sulla sua candidatura, Letta ha spiegato: "Non arriva qui un segretario sulle ali dell'esaltazione di quelli che lo osannano. Sono qui per fare le cose. E citando Nino Andreatta: 'Non c'è nulla di più sovversivo della verità".

GUARDA ANCHE - Letta: "Mi candido alla guida del Pd"

"Partito di giovani o avrò perso la sfida, voglio un'università dem". "Voglio fare una battaglia sul voto ai 16enni", ha annunciato Enrico Letta in assemblea, "anche se so una battaglia divisiva, complicata, ma dobbiamo allargare il peso dei giovani nella società". "I giovani saranno al centro della mia azione, al centro ci saranno i temi della scuola, università. Noi non possiamo lasciare indietro nessuno, non possiamo essere tra gli ultimi paesi in Ue con i giovani che concludono l’Università",

"Spalanchiamo le porte del Pd, l'apertura sarà il mio motto". Il Pd deve "spalancare le sue porte. Dobbiamo fare un partito che abbia le porte aperte. L'apertura sarà il mio motto: spalanchiamo le porte del partito", ha aggiunto Letta.

"Governo Draghi sia quello che approva ius soli". "Il governo di Mario Draghi è il nostro governo", ha quindi rivendicato. "E' la Lega che deve spiegare perché ci sta. Io sarei molto felice se il governo di Draghi, di tutti insieme, senza polemiche, fosse quello in cui dar vita alla normativa dello ius soli che voglio qui rilanciare".

LEGGI ANCHE: Salvini: "Da Letta cavolate su Ius Soli, parte male"

"Pd per nuovo centrosinistra, dialogo con M5s di Conte". "Dobbiamo pensare che abbiamo vinto e governato quando abbiamo fatto coalizione. Quando siamo andati per conto nostro abbiamo perso. 1996 e 2006, eravamo guidati da Prodi. La coalizione è fondamentale: io ci credo. Ad aprirsi ci si guadagna sempre. Dobbiamo costruire un nuovo centrosinistra, su iniziativa e leadership del Pd. Parlerò nelle prossime settimane parlerò con tutti. L'incontro col 5 Stelle guidato da Conte lo dobbiamo fare, sapendo che non sappiamo ancora come sarà quel M5s. Arriveremo con rispetto a ambizione".

"Parlerò con tutti, anche con Renzi". "Io credo nella coalizione - ha aggiunto -. Dobbiamo costruire un nuovo centrosinistra su iniziativa e leadership del Pd. Parlerò con tutti coloro che sono interessati a un dialogo: parlerò con Speranza, con Bonino, con Calenda, con Renzi, con Bonelli, Fratoianni, con tutti gli altri possibili interlocutori anche nella società".

LEGGI ANCHE: Pd, Letta: look minimal e borraccia 'Bella ciao'

"La democrazia è malata, basta tutti questi cambi di casacca". "La democrazia è malata, basta con tutti questi cambi di casacca. Per questo porterò ai presidenti Fico e Casellati una nostra proposta che metteremo insieme per combattere il male del trasformismo parlamentare, credo sia nell'interesse di tutti e la scriveremo insieme agli altri".

"Battaglia Pd per cittadinanza italiana e Ue a Zaki". "Noi vogliamo che Patrick Zaki sia cittadino europeo e italiano. Su questo il Pd farà una battaglia fino in fondo" perché sarebbe un segnale "importante verso l'Egitto", anche in ricordo di Giulio Regeni.

Letta era l'unico candidato alla segreteria del Pd. Sono pervenute 314 sottoscrizioni con firme autografe di membri dell'assemblea, più 97 mail di sottoscrizione e altri 302 nominativi: in tutto 713 sottoscrizioni. La proclamazione è avvenuta alle 13.30. L'assemblea ha eletto inoltre Walter Verini tesoriere nazionale del Partito Democratico con 775 voti favorevoli, 4 contrari, 23 astenuti.

Poco prima della riunione, il segretario dem aveva espresso sui social tutta la sua emozione per il ruolo che andrà a ricoprire. Ecco il suo tweet.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.