Penélope Cruz, Pedro Almodóvar, Venezia e uno dei selfie più belli della Mostra del Cinema

·3 minuto per la lettura
Photo credit: Vittorio Zunino Celotto - Getty Images
Photo credit: Vittorio Zunino Celotto - Getty Images

Una coppia di fatto, senza scandali, litigi, bronci e recriminazioni. Penélope Cruz e Pedro Almodóvar sono la quintessenza della combo affetto e stima e il bello è che tutto ciò traspare sullo schermo quando, per nostra fortuna spesso, lavorano insieme. Madres Paralelas, in Concorso per il Leone d’oro e film d’apertura della Mostra del Cinema di Venezia 2021 ne è la riprova. Accolta positivamente da pubblico e critica per la rappresentazione di tutti i tòpoi della narrazione almadovariana, la pellicola sembra essere destinata a essere ricordata. Il regista 71enne quando deve raccontare storie al femminile, di maternità e di famiglia non è secondo a nessuno. La sua amica, musa, porto sicuro, Penélope, lo ha accompagnato in questo viaggio metaforico e non solo: il loro arrivo in Laguna è stato imperdibile e celebrato con un selfie spettacolare.

Abbracciati, pronti a vivere l’ennesimo photocall/red carpet insieme a farsi avvolgere dall’atmosfera che solo il Festival sa regalare (e loro lo sanno benissimo). Lei splendida in Chanel, griffe che l’accompagnerà anche alla presentazione e sul tappeto rosso (e dritta verso la top ten dei look più belli di Venezia 78), lui con la camicia sgargiante di ordinanza, l'arrivo al Lido della coppia è stato un successo. Si abbracciano, si sostengono, assaporano il momento come due colleghi ma soprattutto come due grandi amici e vederli così scalda il cuore.

{{ this.render( "@app/views/shared/embed-accessibility-text.twig", { embedName: "Instagram", })|raw}}

{% verbatim %}

{% endverbatim %}

"Grazie mio amato Pedro per avermi regalato un altro viaggio che non dimenticherò mai, grazie per aver creduto ancora una volta in me", scriveva lei sul suo profilo Instagram per celebrare la fine delle riprese di Madres Paralelas a fine maggio con una foto a testimonianza della sua commozione, "abbiamo già fatto sette film insieme e desidero che ce ne siano molti di più. Quanto si impara dal tuo talento, dalla tua dedizione e dal tuo coraggio. Grazie Pedro! Ti adoro". Una dedica d'amore in piena regola.

{{ this.render( "@app/views/shared/embed-accessibility-text.twig", { embedName: "Instagram", })|raw}}

{% verbatim %}

{% endverbatim %}

Sono sette i film insieme, Carne trémula, Tutto su mia madre, Volver - Tornare, Gli abbracci spezzati, Gli amanti passeggeri, Dolor y gloria e adesso Madres paralelas e l’impressione è che ce ne saranno ancora molti. "Penelope è la prima a cui penso quando scrivo un personaggio femminile della sua età. E so che lei aspetta e spera che in ogni mio film ci sia un ruolo per lei", ha detto il regista all’Ansa ribadendo l'infinita stima nei confronti dell'attrice madrilena, "non c'è bisogno che mi faccia pressioni, mi bombardi di telefonate, lei sa che penso a lei". Lei ha raccontato più volte di aver deciso di far l’attrice a 16 anni proprio dopo aver visto Legami! con la speranza di poterlo incontrare un giorno sul set. "Ogni volta è un regalo, la partenza per un viaggio intenso e avvincente. Quando mi propone una parte ogni volta penso: 'quest'uomo ha scritto un'altra meraviglia. Inutile dire che la sua è la telefonata più attesa". Un regalo per lei, per lui, per noi tutti.

{{ this.render( "@app/views/shared/embed-accessibility-text.twig", { embedName: "Instagram", })|raw}}

{% verbatim %}

{% endverbatim %}

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli