Per comprare casa in uno dei borghi più belli d'Italia basta un euro

Di Redazione Digital
·2 minuto per la lettura
Photo credit: peeterv - Getty Images
Photo credit: peeterv - Getty Images

From ELLE Decor

Salemi, in Sicilia, è considerato uno dei borghi più belli d’Italia, con un centro storico che è un vero e proprio museo di architettura a cielo aperto, ricco di palazzi in pietra campana, con il Castello Normanno Svevo e la ex chiesa Madre, l’antico quartiere arabo Rabato e il quartiere ebraico, a cui si aggiungono le aree archeologiche di Mokarta, Monte Polizo e San Miceli. Ma tra le cose da vedere a Salemi ci sono anche i “pani devozionali” che un tempo venivano allestiti per le cosiddette “cene di San Giuseppe”, altari votivi che riproducono l’ultima cena di Gesù con gli apostoli.

Oggi Salemi è diventato l'ultimo paese in Italia a mettere all’asta a 1 euro le sue case abbandonate, nel tentativo di resistere allo spopolamento iniziato dopo il terremoto del Belice del 1968, quando almeno 4 mila residenti hanno lasciato la cittadina siciliana per trasferirsi altrove. Per aggiudicarsi le case a 1 euro di Salemi i potenziali residenti dovranno presentare un piano che descriva le modalità di ristrutturazione della proprietà, e versare un deposito di € 3000. Ma le case di Salemi a 1 euro potranno essere trasformate anche in attività capaci di rilanciare l’economia locale, come B&B, ristoranti, bar o gallerie d’arte.

“Tutti gli edifici appartengono al consiglio comunale, che accelera la vendita e riduce la burocrazia” spiega il sindaco Domenico Venuti a Cnn Travel. “Prima di avviare il progetto abbiamo dovuto recuperare le parti vecchie di Salemi dove si trovano le case, migliorando le infrastrutture e i servizi dalle strade alle reti elettriche e alle fognature. Adesso la città è pronta per il prossimo passo”.

Le case a 1 euro di Salemi sono per la maggior parte architetture del centro storico costruite nel 1600, costruite con la locale pietra campana, un'arenaria rosa-giallastra estratta dalle vicine grotte. Se alcune hanno bisogno di interventi strutturali per riparare ai danni del terremoto, la maggior parte sono in condizioni discrete. Ad accomunarle sono lo sviluppo su duo o tre piani e i muri spessi che garantiscono un ottimo isolamento termico, e alcune godono di balconi panoramici sulla valle.