Per il Black History Month Instagram e FB lanciano il #BuyBlack (ed ecco perché è importante)

Di Federica Caiazzo
·3 minuto per la lettura
Photo credit: Halfpoint - Getty Images
Photo credit: Halfpoint - Getty Images

From ELLE

Promuovere marchi emergenti e designer indipendenti della black community: al grido (social) di #BuyBlack, Facebook si prepara a contribuire di nuovo in modo tangibile in occasione del Black History Month 2021. Come stabilito dal Congresso USA nel 1986, anche quest’anno il Mese della Storia nazionale degli afroamericani coincide con febbraio e - parallelamente alla sezione Shop già presente in app su Facebook - anche Instagram si attiverà per promuovere le piccole realtà imprenditoriali sull’account ufficiale IG @Shop.

Le previsioni – che giungono insieme alla news da businessoffashion.com - puntano in alto, ci si aspetta infatti che il Black History Month 2021 veda un'altra impennata (dopo quella avvenuta in concomitanza con l’attivismo del Black Lives Matter della scorsa estate, ndr) nella promozione dei marchi fondati dai neri. Nota bene, l’iniziativa #BuyBlack di Facebook e Instagram arriva anche sulla scia di un precedente esperimento già ben riuscito: lo scorso novembre 2020, entrambe le piattaforme social hanno promosso i business della black community istituendo il #BuyBlack Friday e raggiungendo (solo su Facebook!) ben 15 milioni di utenti. Ancora, Fashionunited.uk aggiunge un’ulteriore (bella) notizia nella notizia, sottolineando che Facebook ha rilasciato aggiornamenti rispetto a quanto pattuito e promesso lo scorso giugno: a fronte dell’investimento di 1,1 miliardi di dollari in fornitori della black community statunitense, sarebbero già 200 milioni i dollari impiegati nella causa.

L’iniziativa #BuyBlack di Facebook e Instagram in occasione del Black History Month 2021 è anche una valida ragione (per tutti) per riflettere e approfondire la storia degli afroamericani. A tal proposito, nationalgeographic.it ci ricorda che il Black History Month nasce (seppur in forma embrionale) nel XX secolo grazie all’ineccepibile contributo dello storico Carter G. Woodson: “In una società razzista che rappresentava le persone di colore in modo distorto e fuorviante e ne ignorava i contributi, egli lavorò incessantemente per raccontare al mondo la ricchezza della loro storia”, scrive la fonte. Woodson nacque in Virginia da genitori che avevano vissuto in prima persona la schiavitù, trascorse la sua giovinezza lavorando in un’azienda agricola di famiglia e nelle miniere di carbone in West Virginia. Mai però venne meno la sua fame di conoscenza, che nutrì incessantemente nel corso della sua vita fino a conseguire il Dottorato in Storia ad Harvard.

Fu proprio Woodson nel 1915, in occasione del 50esimo anniversario dell’emancipazione degli schiavi, a fondare l’Association for the Study of Negro Life and History (Associazione per lo Studio della Vita e della Storia dei Neri) che oggi è conosciuta come Association for the Study of African American Life and History (Associazione per lo Studio della Vita e della Storia Afroamericana, ASALH). Senza neppure avere i fondi necessari, riuscì comunque a fondare insieme a colleghi mossi dallo stesso obiettivo il primo giornale della storia degli afroamericani mai esistito, oggi noto come il Journal of African American History. La svolta verso la nascita del Black History Month avvenne nel 1926, quando dichiarò la nascita della Negro History Week: quella settimana coincidente con i compleanni dell’abolizionista Frederick Douglass e del Presidente Abramo Lincoln, sarebbe stata celebrata ogni anno a febbraio e interamente dedicata alla storia dei neri. Woodson morì nel 1950, ma né lui né il suo progetto furono (mai) dimenticati: anni dopo, nel 1986, il Congresso approvò la legge. Febbraio era ufficialmente diventato il Mese della Storia Nazionale degli afroamericani. Tutto questo, oggi, non è solo un capitolo di storia: è un lascito culturale, sociale. #BuyBlack per conoscere. #BuyBlack per riflettere. #BuyBlack per sensibilizzare. E non ripetere mai più gli errori del passato.