Perchè si ha dolore alla mano? Ecco i motivi principali

·2 minuto per la lettura
parestesia mani e piedi
parestesia mani e piedi

Le mani gonfie e doloranti sono un problema piuttosto frequente e causano gravi disagi a chi ne soffre. Le dita appaiono più grandi del solito e assumono un aspetto a salsicciotto che rende abbastanza complesso eseguire semplici azioni come sfilare gli anelli. Oltre al gonfiore, le dita possono essere anche dolenti, rigide e addirittura fredde al tatto. Le cause delle mani gonfie e doloranti possono essere numerose, scopriamo quali sono le più frequenti.

Cause delle mani gonfie e doloranti

Una delle cause più frequenti che portano alla comparsa di mani gonfie e doloranti è sena dubbio la presenza di un problema legato al microcircolo. Questo disturbo è solito nelle persone con pressione alta oppure con colesterolo alto. In questi casi le mani diventano gonfie e fredde per via di un aumento del calibro dei vasi sanguigni che devono dilatarsi per accogliere il sangue che scorre con forza e rapidità al loro interno. Anche chi soffre della sindrome di Raynaud spesso affonta un difetto nel microcircolo delle mani favorito dal freddo e dalle condizione legate allo stress.

A volte la causa è legata a sbalzi ormonali come la gravidanza o la sindrome premestruale. Anche la ritenzione idrica provoca mani e piedi gonfi, soprattuto nelle persone sovrappeso. Altra causa frequente è legata alla presenza di allergie: spesso infatti il corpo reagisce confiando la zona in cui c’è stata una puntura d’insetto oppre quando si mangiano alimenti a cui si è allergici. Ci possono anche essere infezioni cutanee che derivano da tagli e ferite nelle mani. In alcune persone, soprattutto nelle persone anziane, il dolore deriva da infezioni croniche come l’artrite reumatoide.

Rimedi delle mani gonfie

I rimedi cambiano a seconda delle cause che provocano il problema alle mani. In generale suggeriamo di fare attenzione ad avere uno stile di vita e un’alimentazione sana. Nel caso in cui il problema persista per molto tempo, è bene rivolgersi al proprio medico per comprendere come agire.