Perché fare il vaccino contro l'epatite B da piccoli

·2 minuto per la lettura
vaccino contro l'epatite B
vaccino contro l'epatite B

Perché tuo figlio ha bisogno del vaccino contro l’epatite B se solo gli adolescenti e gli adulti si ammalano di questa malattia? Anche se gli adolescenti e gli adulti sono i più a rischio per l’epatite B, anche i neonati e i bambini piccoli possono prenderla, anche se nessun altro nella loro famiglia ha la malattia.

Prima che il vaccino fosse introdotto nel 1982, a circa 25.000 bambini sotto i 5 anni veniva diagnosticata la malattia ogni anno. Solo 6.000 di loro l’avevano contratta dalla madre alla nascita. Anche se non conosciamo la fonte di tutte queste infezioni, sappiamo che in alcuni casi il virus dell’epatite B è stato diffuso da persona a persona in casa o all’asilo.

Molte persone non si rendono conto della gravità dell’epatite B, confondendola con forme più lievi della malattia. L’epatite B uccide circa 900.000 persone nel mondo ogni anno.

Perché è meglio fare il vaccino contro l’epatite B in giovane età

È importante che i bambini si vaccinino presto, perché:

L’epatite B è particolarmente pericolosa per i bambini piccoli. Quelli che prendono la malattia quando sono giovani hanno molte più probabilità degli adulti di avere complicazioni croniche e a lungo termine come l’insufficienza epatica o il cancro al fegato. I neonati e i bambini piccoli che si infettano cronicamente hanno il 25% di possibilità di morire a causa di queste complicazioni. La malattia a volte può essere trattata con farmaci e alcuni pazienti migliorano, ma non c’è una cura.

Il vaccino funziona meglio. Più sei giovane quando ricevi questo vaccino, più è efficace. Circa il 90% degli adulti dai 40 anni in su che ricevono il vaccino sviluppano una buona immunità, ma il tasso per neonati e bambini è più vicino al 100%. Il tuo bambino potrebbe non ricevere il vaccino più tardi. In alcuni casi, i genitori scelgono di rimandare questo vaccino se credono che ci sia poca o nessuna possibilità che il loro bambino sia esposto alla malattia, dato che di solito viene contratta da aghi contaminati o da rapporti sessuali non protetti.

Rimandare il vaccino fino a quando il bambino è più grande è rischioso, perché la maggior parte dei bambini hanno sempre meno contatti con i medici man mano che crescono e non hanno più controlli di routine. Gli studi dimostrano che, nonostante gli sforzi dei genitori, molti ragazzi abbandonano il sistema sanitario prima dell’adolescenza. Proteggere tuo figlio quando è giovane ti aiuterà a tenerlo al sicuro ora e dopo.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli