Perché il principe Carlo vorrebbe negare il titolo reale di duca di Edimburgo al fratello Edoardo?

·3 minuto per la lettura
Photo credit: Tim Graham - Getty Images
Photo credit: Tim Graham - Getty Images

Mai testamento fu redatto con più attenzione di quello del principe Filippo, che si dice abbia dedicato gran parte dei suoi ultimi anni di vita a decidere se e a chi dispensare una piccola parte della sua immensa fortuna. Nonostante le precauzioni, la sua morte potrebbe aver aperto una grave frattura tra i discendenti diretti e a farne le spese sarebbe proprio il principe Edoardo, il minore dei quattro figli, che da anni ambisce al titolo di duca di Edimburgo. Nato il 10 marzo 1964 e insignito del titolo di Conte di Wessex alle nozze con Sophie Rhys-Jones, Edoardo è l'unico dei tre figli maschi a non avere ereditato ancora un ducato – Carlo infatti, oltre al principato del Galles, possiede il ducato di Rothesay, mentre Andrea il ducato di York. Cose che in una royal family così numerosa possono capitare, nulla di grave. Tanto più che nel 1999 i Windsor promisero che il titolo di duca di Edimburgo sarebbe andato al principe Edoardo, una volta che Filippo fosse venuto a mancare.

GUARDA ANCHE - Kate, il soprannome (cattivello) dato al Principe Carlo: imbarazzo al G7, com'è stata pizzicata

Photo credit: Anwar Hussein - Getty Images
Photo credit: Anwar Hussein - Getty Images

"La regina, il duca di Edimburgo e il principe del Galles hanno concordato che il ducato di Edimburgo dovrebbe essere concesso al principe Edoardo a tempo debito", disse la famiglia reale in una dichiarazione all'epoca. Pare addirittura che fu lo stesso Filippo ad avere l'idea di cedere a Edoardo il suo titolo, il giorno in cui egli annunciò il suo fidanzamento ufficiale con Sophie Rhys-Jones, con grande sorpresa di figlio e nuora. Ebbene, 22 anni dopo quella sorprendente conversazione, il titolo di duca sembra essere più lontano che mai dall'asse ereditario di Edoardo. Il motivo? La volontà di Carlo di tenerlo per sé, almeno per il momento. "Per adesso è il principe (Carlo, ndr) il duca di Edimburgo, e sta a lui decidere cosa farà di questo titolo", ha detto una fonte anonima al Times. "Questo ducato non sarà attribuito ai Wessex", conferma un altro testimone dalle colonne del quotidiano britannico.

Photo credit: Chris Jackson - Getty Images
Photo credit: Chris Jackson - Getty Images

Secondo alcune indiscrezioni pare che il principe Carlo, all'indomani dell'apertura del testamento del padre, indeciso sul da farsi, abbia chiesto al suo entourage se d'ora in poi avrebbe dovuto usare il titolo di duca di Edimburgo, ma che da Buckingham Palace sia arrivato il consiglio di continuare a usare il titolo di duca di Rothesay e di riservarsi la decisione solo una volta divenuto re. Proprio come fece Giorgio VI, che ereditò il titolo di duca di York e, quando divenne re, mantenne il ducato senza cederlo a nessuno (fu Elisabetta a decidere di trasmetterlo ad Andrea quando si sposò nel 1986). Con la piccola differenza che il sovrano era figlio unico, se si eccettua il fratello Edoardo VIII, che per amore di Wallis Simpson abdicò al trono e la scelta non poteva che ricadere su lui stesso, Carlo no. Ma è inutile ricercare nella storia il motivo di scelte che sembrano solo rispondere a criteri accentratori di carattere economico (snellire la monarchia è uno degli obiettivi che il principe del Galles si è prefissato per quando sarà re).

Photo credit: Max Mumby/Indigo - Getty Images
Photo credit: Max Mumby/Indigo - Getty Images

Chi non sembra preoccuparsi troppo della questione ereditaria è stranamente lo stesso Edoardo, che dopo 22 anni dalla famosa promessa comincia a dubitare che diventerà mai ducato. "È stato molto bello, in linea di principio, anni fa, quando era il sogno di mio padre – ha detto in un'intervista alla Bbc a giugno –. Ma naturalmente dipenderà da ciò che il Principe di Galles deciderà quando diventerà re, quindi aspettiamo e vediamo". D'altro canto presentarsi a corte per parlare di eredità in queste circostanze, a tre mesi dalla morte di Filippo, sarebbe davvero sconveniente, oltre che inappropriato e irrispettoso. La pazienza, si sa, premia chi sa aspettare. Lo sa bene Carlo, che aspira al trono da 69 anni.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli