Perché la riforma del Mes è una potenziale pistola alla tempia dell'Italia

Claudio Paudice
conte

Qualcosa certamente non quadra se nel bel mezzo di una delicata sessione di bilancio Lega e Movimento 5 Stelle si trovano nuovamente sullo stesso fronte e attaccano congiuntamente il premier Giuseppe Conte. Ad alimentare da qualche giorno il dibattito politico, soprattutto per l’attivismo del Carroccio, è la riforma del Mes (Meccanismo europeo di stabilità, anche noto come Fondo Salva-Stati) che in diversi consessi europei, a partire dal Vertice Euro del dicembre 2018, si sta portando avanti con l’obiettivo di ratificare il pacchetto di modifiche entro la fine di quest’anno, al massimo all’inizio del prossimo. Un dibattito che - non è una novità quando c’è di mezzo l’Eurogruppo - si sta svolgendo nella assoluta mancanza di trasparenza e che porterà con ogni probabilità a un “prendere o lasciare” da sottoporre ai Parlamenti Ue. Ieri Palazzo Chigi ha fatto sapere che nessun Paese ha firmato nulla e che “il Parlamento ha un potere di veto sull’approvazione definitiva della revisione Trattato Mes, e avrà modo di pronunciarsi in sede di ratifica, quindi prima di ogni determinazione finale in merito alla sua entrata in vigore”.

La Lega, che ieri aveva alimentato il sospetto che Conte avesse firmato “magari di nascosto o di notte un accordo in Ue per cambiare il Mes”, ha replicato chiedendo con urgenza al premier di riferire in Parlamento. Ora, che il Carroccio non sia soddisfatto dalle precisazioni di Palazzo Chigi non sorprende, mentre apre un ennesimo fronte tra M5S e il presidente del Consiglio la richiesta dei deputati grillini della Commissione Finanze di un vertice di maggioranza: “Il Parlamento aveva dato un preciso mandato al Presidente del Consiglio. La discussione sul Mes deve essere trasparente, il Parlamento non può essere tenuto all’oscuro dei progressi nella trattativa e non è accettabile alcuna riforma peggiorativa. Oggi è chiaro, invece, che la riforma del Mes sta andando proprio nella direzione che il...

Continua a leggere su HuffPost