Perché le mamme mangiano la placenta? Ecco cosa devi sapere

·5 minuto per la lettura
Mangiare la placenta
Mangiare la placenta

Mangiare la placenta può avere una serie di benefici post-partum, come migliorare l’umore e i livelli di energia e aiutare ad aumentare la produzione di latte. Tutto ciò non è stato provato scientificamente, quindi i benefici della placenta sono basati su prove aneddotiche. Le donne mangiano la placenta cotta così come la placenta che è stata essiccata e trasformata in integratori. Questa procedura non è sicura, però: la placenta può essere infettata da batteri e tossine, e forse altre sostanze, come i metalli pesanti.

Se decidi di mangiare la tua placenta, assicurati che sia maneggiata con cura e preparata in modo sicuro.

Perché le neomamme mangiano la placenta?

In genere, le donne mangiano la loro placenta dopo il parto per trarre potenziali benefici, come un recupero più rapido dal parto. La pratica è chiamata placentofagia e, secondo uno studio, il 25 per cento delle donne sarebbe disposto a provarla. Durante la gravidanza, la placenta fornisce al tuo bambino ossigeno e nutrienti. Produce anche ormoni per aiutarlo a svilupparsi e trasmette gli anticorpi per proteggere il piccolo dalle malattie dopo la nascita. Dopo il parto, le donne mangiano la placenta per integrare la loro dieta con nutrienti e ormoni che potrebbero essere utili per una serie di problemi post-partum.

La placenta può essere mangiata cotta o al vapore. Può anche essere essiccata, polverizzata e messa in capsule – questo si chiama incapsulamento placentare. Inoltre, può essere trasformata in tinture o aggiunta ai frullati.

Quali sono i benefici del mangiare la placenta?

Aneddoticamente, le donne hanno riportato una serie di benefici e i ricercatori stanno studiando queste associazioni. Tuttavia, finora, questi benefici non sono stati provati scientificamente.

I possibili benefici post-partum includono:

  • Aumento del livello di energia

  • Aumento della produzione di latte

  • Miglioramento dell’umore, abbassando la possibilità di depressione post-partum

  • Riduzione dell’insonnia

  • Prevenzione dell’anemia

  • Riduzione del sanguinamento post-partum

  • Riduzione del dolore

  • Miglioramento del legame con il bambino

  • Rafforzamento del sistema immunitario

  • Gli integratori di placenta sono studiati anche per problemi non legati alla gravidanza, come il trattamento dei disturbi del sonno, l’infiammazione e i problemi di regolazione ormonale.

Sappiamo che la placenta contiene proteine, grassi, minerali, vitamine e gli ormoni progesterone ed estrogeni. I ricercatori stanno lavorando per scoprire quanti di questi nutrienti e ormoni sono trattenuti nella placenta e se sono efficaci in quelle quantità. Uno studio, per esempio, ha trovato del ferro nella placenta, ma in quantità che non erano adeguate per essere utili nella supplementazione per la carenza di ferro. Un altro studio ha scoperto che la preparazione della placenta per un’ingestione sicura ha ridotto le concentrazioni di ormoni (insieme alla potenziale contaminazione batterica).

Mangiare la placenta effetti
Mangiare la placenta effetti

È sicuro mangiarla?

Non sappiamo se è sicuro mangiare la placenta. Il Centers for Disease Control and Prevention ci mette in guardia dal farlo, ma almeno un grande studio suggerisce che può essere sicuro. Sappiamo che è possibile che la placenta si infetti con batteri e virus – sia mentre è cruda che durante la lavorazione. Nel 2017, un neonato ha contratto lo streptococco di gruppo B quando la sua mamma che allattava al seno ha assunto capsule di placenta contaminate dal batterio. Di conseguenza, il CDC mette in guardia contro l’assunzione di capsule di placenta.

Altre preoccupazioni sulla sicurezza si concentrano su cos’altro può contenere la placenta. Per esempio, se una donna avesse la preeclampsia, le proteine dello stress contenute nella placenta potrebbero essere dannose se consumate? Oppure, poiché la placenta protegge il bambino dall’esposizione a sostanze nocive come i metalli pesanti, questi potrebbero essere nella placenta e renderla pericolosa da mangiare?

Dall’altro lato, un grande studio sulle registrazioni di 23.000 nascite ha concluso che il 30% delle donne che hanno mangiato la loro placenta non ha avuto esiti peggiori per la salute – per se stesse o per il loro bambino – rispetto alle donne che non l’hanno fatto.

I sostenitori, infine, sottolineano il fatto che mangiare la placenta è comune tra gli altri animali e in alcune culture.

Cosa fare se decidi di mangiare la tua placenta

Se decidi di voler mangiare la tua placenta nonostante i rischi potenziali (e in gran parte sconosciuti):

  1. Assicurati che sia preparata nel modo più sicuro possibile. Dovrai cucinare o preparare la placenta in modo da minimizzare la contaminazione. Per esempio, riscaldare la placenta a 54 gradi per almeno due ore riduce i batteri della Salmonella. Ci sono kit per incapsulare la placenta e ci sono indicazioni online.

  2. Considera di pagare un professionista. Potresti voler pagare qualcuno addestrato nell’incapsulamento della placenta per prepararti le capsule. Essi asciugheranno, polverizzeranno e confezioneranno la placenta in capsule da prendere come integratori. Non c’è una buona supervisione dell’industria, però, quindi assicurati di trovare un professionista rispettabile.

  3. Controlla con l’ospedale o il centro nascita dove hai intenzione di partorire. Se partorisci a casa, parlane con la tua ostetrica. Alcuni ospedali non permettono la placentafagia, quindi pianifica di conseguenza. Ovunque tu abbia intenzione di partorire, prendi accordi in anticipo su come la tua placenta sarà trattata e consegnata.

  4. Cucina o congela subito la placenta, perché può rovinarsi (come la carne).

Se hai degli effetti negativi, smetti immediatamente di consumare la placenta e parlane con chi ti assiste.

Cosa provare in alternativa

È comprensibile che le donne siano interessate a mangiare la placenta per accelerare il loro recupero post-partum ed evitare la depressione post-partum. Tieni presente, però, che ci sono molte strategie provate e sicure per rimanere in salute dopo la nascita e ridurre lo stress di essere una nuova mamma. Per esempio, è possibile:

  • Mangiare cibi sani, che migliorano l’umore e l’energia

  • Fare esercizio fisico (una volta ottenuto l’ok del tuo assistente)

  • Prendere vitamine e integratori (come le vitamine prenatali) come suggerito dal tuo medico

  • Chiedere aiuto e sostegno ad amici, familiari e al tuo partner

  • Dormire e riposare il più possibile

Parla con il tuo medico di qualsiasi sintomo o preoccupazione.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli