Perché le statue di Neverland la tenuta di Michael Jackson sono state messe in vendita?

Di Elisabetta Moro
·2 minuto per la lettura
Photo credit: Dave Hogan - Getty Images
Photo credit: Dave Hogan - Getty Images

Era il 1988 quando Michael Jackson acquistò un terreno di 11 chilometri quadrati per costruire quello che sarebbe diventato il Neverland Ranch. Ci installò una ruota panoramica, dei go-kart, un cinema, una sala giochi e uno zoo. Era a metà tra un albergo di lusso e un parco divertimenti, ma era anche la casa super esclusiva del cantante (insieme a quella di New York naturalmente) dove venivano ricevuti ospiti d'eccezione e i media potevano accedere solo in rare occasioni. A Neverland, Jackson ospitava bambini malati o poveri collaborando con delle associazioni benefiche e sempre Neverland è stata teatro degli scandali di pedofilia che hanno coinvolto il cantante. A dicembre le tenuta è stata venduta al miliardario Ron Burkle e ora sono state messe in vendita anche le statue che decoravano il parco e la villa: bambini che giocano spensierati, ma che - dopo i processi - rievocano scenari oscuri di infanzie interrotte.

Photo credit: New York Daily News Archive - Getty Images
Photo credit: New York Daily News Archive - Getty Images

Il prezzo richiesto è di 2,5 milioni di dollari: non poco se si pensa che non è stato affatto facile vendere la tenuta che era sul mercato dal 2015 che alla fine è stata acquistata da Burkle per 22 milioni di dollari, circa un quarto del prezzo chiesto originariamente. Dalla morte di Jackson nel 2009, il complesso - rinominato Sycamore Valley Ranch - è stato ampiamente ristrutturato quasi a voler eliminare il ricordo degli scandali e la vendita delle statue va evidentemente nella stessa direzione. Tra le opere in vendita ci sono naturalmente numerose statue di bambini, tra cui "Kids and Tree Swing", "Follow the Leader", "Young Boy and Companion", "Boy Playing Hand Bell", "The Footballer" e altre ancora. Figurano anche molte statue storiche - come "Busto romano in marmo" e "Napoleone che attraversa le Alpi" - insieme a statue di Cupido, candelabri, una nave di legno regalo di Elizabeth Taylor, una statua di Marilyn Monroe e una statuetta di Minnie Mouse.

Photo credit: Stephen Kim - Getty Images
Photo credit: Stephen Kim - Getty Images

Come spiega TMZ, l'intera collezione viene venduta in un unico lotto, il proprietario sta cercando un acquirente disposto ad acquistare tutti i pezzi alla cifra stabilita e la Noble Art Lovers di Dubai, si occuperà dell'affare. Certo, dopo l'uscita del documentario Leaving Neverland nel 2019 l'immagine del ranch è stata ulteriormente compromessa. Anche se Jackson è stato assolto dalle accuse di pedofilia, infatti, continuano ad aggiungersi nuove testimonianze di molestie sessuali anche molto gravi a bambini che il cantante ospitava nella tenuta. D'altra parte, però, c'è anche chi non vuole sentire ragioni e continua strenuamente a credere nell'innocenza e nel buon cuore del cantante che è ancora molto amato e idolatrato in tutto il mondo. Chissà, probabilmente da qualche parte c'è un fan miliardario disposto a sborsare qualche milione di dollari per avere nel suo giardino le statue un tempo appartenute al Re del Pop. Stiamo a vedere.