Pfizer e Moderna, Aifa: "Casi molto rari di miocardite dopo vaccini"

·1 minuto per la lettura

Vaccini Pfizer e Moderna, osservati casi "molto rari" di miocarditi dopo la somministrazione. Questo quanto sottolinea riguardo ai prodotti-scudo a Rna messaggero l'Agenzia italiana del farmaco Aifa, che anche dopo quanto già comunicato dall'Agenzia europea del farmaco Ema comunica "aggiornamenti su alcuni punti emersi dalla valutazione del rischio di insorgenza di miocardite e pericardite dopo vaccinazione con vaccini a mRna".

"Dopo la vaccinazione con i vaccini a mRna anti Covid-19 Comirnaty* e Spikevax* - si legge - sono stati osservati casi molto rari di miocardite e pericardite. I casi si sono verificati principalmente nei 14 giorni successivi alla vaccinazione, più spesso dopo la seconda dose e nei giovani di sesso maschile".

"I dati a disposizione - precisa l'ente regolatorio nazionale - suggeriscono che il decorso della miocardite e pericardite dopo la vaccinazione non è diverso da quello della miocardite o della pericardite in generale".

"Gli operatori sanitari devono prestare attenzione ai segni e ai sintomi di miocardite e pericardite", raccomanda l'Aifa. "Gli operatori sanitari - aggiunge - devono istruire i soggetti vaccinati a rivolgersi immediatamente al medico qualora dopo la vaccinazione sviluppino sintomi indicativi di miocardite o pericardite, quali dolore toracico, respiro affannoso o palpitazioni".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli