Piatti tipici del capodanno cinese: ricette tradizionali

piatti tipici capodanno cinese

L’inizio del nuovo anno nel calendario cinese, quello che in genere in occidente è definito Capodanno, è in realtà la Festa di Primavera e corrisponde a una delle più sentite festività tradizionali di questo popolo. Ecco perchè durante il capodanno cinese ci sono dei piatti tipici a cui è impossibile rinunciare.

Piatti tipici del capodanno cinese

Secondo un’antica leggenda, in tempi remoti la Cina viveva sotto l’incubo di un mostro terribile chiamato Nian, che usciva dalla tana una volta ogni 12 mesi, per nutrirsi di esseri umani. Lo terrorizzava però il colore rosso e non sopportava i forti rumori, e questi erano i soli espedienti che gli umani potevano tentare per salvarsi. Da lì deriverebbe l’uso dei cinesi di festeggiare il nuovo anno con canti, fuochi d’artificio e un utilizzo massiccio del colore rosso ovunque.

Secondo la tradizione, per festeggiare al meglio questa importante ricorrenza, sono fondamentali alcuni piatti, che per il loro valore simbolico sono ritenuti di buon auspicio. Ecco una panoramica di quelli principali.

Il pesce

In cinese il termine pesce (), ha un suono che ricorda la parola abbondanza. Ecco perché lo utilizzano largamente nel menù tradizionale, cucinato in vari modi; l’importante è che mantenga testa e coda intatte, come augurio che la prosperità si estenda per intero a tutto il nuovo anno.

Il pesce si prepara bollito, brasato o anche cotto al vapore. Trai più utilizzati ricordiamo il pesce ragno e i pesci che provengono dal Lago Occidentale di Hangzhou. Viene servito con cavolo sott’aceto e abbondante peperoncino; in alternativa viene cotto al vapore e accompagnato con salsa all’aceto, oppure bollito in un brodo aromatico e piccante.

Ravioli cinesi

Questa pietanza ha una storia millenaria, e rientra a pieno titolo tra quelle più diffuse in tutta la Cina, specie durante i festeggiamenti per il nuovo anno.
I ravioli si preparano con una particolare accortezza al modo in cui si chiudono: si cerca di renderli quanto più possibile simili all’aspetto che hanno i lingotti d’oro in questo paese, cioè con una forma ovale che ricordi una barca, con le estremità rivolte verso l’alto. Sulla tavola vanno a ruba, anche perché si crede che i guadagni, nel nuovo anno, saranno proporzionali al numero di involtini che si riesce a mangiare.

Il ripieno è composto da carne di maiale, manzo o pollo, oppure da gamberetti o polpa di pesce, sempre uniti a vari tipi di verdure. Una volta pronti, si cuociono al vapore, al forno oppure vengono fritti.

Una curiosità: talvolta, durante la preparazione, viene aggiunto del filo bianco all’impasto, oppure una monetina in rame: la tradizione vuole che il fortunato che li troverà, avrà certamente una lunga vita, nel primo caso, o diverrà facilmente ricco, nel secondo.

Una particolare attenzione è dedicata anche alla disposizione dei ravioli nel piatto, infatti si evita categoricamente di metterli in cerchio, perché questo porterebbe la vita del commensale a girare continuamente su se stessa, senza mai progredire.

ravioli cinesi

Palline di riso dolci

Si tratta di un preparato molto diffuso durante la Festa delle Lanterne, ma spesso si ritrova anche nel menù di cui ci occupiamo; infatti si attribuisce alla loro forma un richiamo al concetto di unione, condivisione e lo stesso nome nella lingua originale, ricorda il termine che indica lo stare insieme.

palline di riso

Spaghetti cinesi

In questo caso esaminiamo un formato più lungo di quello normale, che bisogna assolutamente evitare di spezzarsi, sia durante la preparazione che quando si mangia. Gli spaghetti simboleggiano infatti l’augurio di un lunga vita. Di solito si servono saltati in padella oppure in brodo e sono un piatto di buona augurio, che non manca mai a capodanno.

spaghetti cinesi