Pierpaolo Spollon: «Ho bisogno della solitudine»

·1 minuto per la lettura

La popolarità di Pierpaolo Spollon è in costante crescita.

Da quando ha debuttato su Rai 1 con "L'Allieva", il 32enne di Padova è diventato uno dei volti più gettonati della televisione italiana. Al punto che, al momento, l'attore è presente sul set de "La Porta Rossa", "Doc - Nelle tue mani" e "Blanca".

Ma fama e successo non lo hanno comunque cambiato perché Spollon è rimasto un grande amante della solitudine.

«Ho bisogno della solitudine. Una solitudine che conosco bene fin da quando ero piccolo: i miei, per ragioni di lavoro, erano spesso assenti, so cosa vuole dire passare le ore chiuso in cameretta. Mi è servita quella solitudine che poi, negli anni, è stata anche atroce, dolorosissima. E che adesso continuo a ricercare», rivela Pierpaolo Spollon in un'intervista al settimanale Vanity Fair.

L'ultimo personaggio in cui si è calato è il misterioso cuoco Nanni, di cui veste i panni nella nuova fiction "Blanca".

«Non posso dire niente su questo personaggio, ma che abbia voluto sporcare la mia immagine, quella si, era una necessità - anticipa Pierpaolo -. Qui la protagonista assoluta è Blanca, non certo io. Ma questo ruolo mi permette di esplorare altre corde».

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli