Pinko immagina la moda dell'Autunno Inverno 2020/2021 attraverso una collezione sostenibile

Di Redazione
·2 minuto per la lettura
Photo credit: Courtesy Pinko
Photo credit: Courtesy Pinko

From Harper's BAZAAR

Reimagine. Basta una parola con il prefisso giusto, per descrivere bene il proposito di un progetto. Soprattutto quest'anno, in cui l'attenzione agli sprechi e al rispetto per l'ambiente si è accesa ancora di più, anche la moda è scesa in campo per fare la sua parte. Così ha fatto anche Pinko, il brand guidato dal direttore creativo Caterina Negra, che per l'Autunno Inverno 2020/2021 ha inaugurato una nuova, entusiasmante collaborazione. In linea con l'attenzione che il marchio ha da sempre nei confronti delle tematiche ecologiche e sociali, Pinko ha chiesto a Patrick McDowell, designer britannico formato alla prestigiosa Central Saint Martins di Londra, di unire le forze per una collezione speciale.

Photo credit: Courtesy
Photo credit: Courtesy

Nasce cosi Pinko Reimagine by Patrick McDowell, una capsule che include, tra i vari prodotti, jeans, camicie, blazer e cappe, realizzati grazie a pratiche di upcycling e riutilizzo dei prodotti già esistenti. Per realizzare questi capi è stato necessario ripensare a modi per impattare il meno possibile l'industria moda: Patrick ha selezionato alcuni pezzi d’archivio Pinko, che sono stati reinterpretati per dare vita a nuovi capi. Il processo è stato tutt'altro che rapido: dalle sei alle dodici ore infatti sono state necessarie per scomporre e ricomporre ogni pezzo. "Questa tipologia di operazioni è fondamentale per dimostrare come i brand possano trovare il modo di dare nuovo valore alla merce invenduta, ma anche che quest’ultima possa diventare la protagonista di collezioni fresche e desiderabili per il proprio pubblico", ha raccontato Patrick McDowell.

Non c'è dubbio che la capsule - la cui prima collezione sarà in vendita su PINKO.com, negli store del marchio e in alcuni selezioni negozi multi-brand a partire da novembre - riuscirà a soddisfare i gusti più variegati, e che avvicinerà i consumatori più attenti e sensibili a questo progetto, capace di unire la moda a una nobile causa.