Pino Daniele e il suo ultimo amore, Amanda Bonini

·6 minuto per la lettura
Photo credit: Sergione Infuso - Corbis - Getty Images
Photo credit: Sergione Infuso - Corbis - Getty Images

È il 9 gennaio del 2015 quando, in Piazza Plebiscito di Napoli, si celebra l’ultimo lungo saluto a Pino Daniele: tra le oltre 100 mila persone presenti ecco che prende posto, nelle retrovie, anche Amanda Bonini, l’ultima compagna di vita. Ciò che ha sempre suscitato scalpore riguardo uno dei più amati cantautori, musicisti e compositori italiani è stata la sua vita sentimentale: prima il matrimonio con Dorina Giangrande, poi quello con Fabiola Sciabbarrasi fino all’arrivo di Amanda, il terzo grande amore in ordine di tempo. E’ lei, infatti, ad aver vissuto con Pino gli ultimi mesi della sua vita fino alla drammatica morte del 66enne, stroncato da un infarto. I due facevano coppia da circa due anni, e per amore di Amanda il cantante napoletano ha addirittura lasciato la seconda moglie Fabiana dopo vent’anni di matrimonio e tre figli.

Ma chi è Amanda Bonini?

Amanda Bonini è stata, come detto, la donna per cui Pino Daniele ha perso la testa, lasciando la seconda famiglia con cui tutto sembrava andare apparentemente a gonfie vele. Bionda, di Viterbo, 56 anni, quando si pensa a lei ciò che subito salta in mente è il suo sorriso ammaliante e il suo bellissimo aspetto fisico. “Siamo sempre là… tra sole e sale… a combattere con un mondo che non ci appartiene”. La donna, che così tramite un post sui propri profili social ha ricordato gli ultimi giorni di vita passati insieme al marito, è stata addirittura accusata di omicidio colposo per non aver gestito al meglio gli attimi successivi all’infarto di Pino Daniele, contattando prima il medico che il pronto soccorso. Ma Amanda, in seguito alla pubblicazione dei risultati dell’autopsia, ha rotto il silenzio dichiarando all’Ansa che “Pino non voleva farsi mettere le mani addosso da nessuno che non fosse il suo cardiologo di fiducia. Non aveva i sintomi dell’infarto e voleva essere portato a Roma. Ho rispettato la sua volontà.”. Una vita intera passata tra amore e musica, su cui non si sa molto altro, essendo lei lontana anni luce dal mondo dello spettacolo.

La relazione tra Amanda Bonini e Pino Daniele

Tutto ha inizio quando Amanda Bonini e Pino Daniele vengono paparazzati in vacanza a Ravello, l’estate del 2013, da Novella 2000. Abbracci, baci, qualche foto scattata con il telefonino. Dopodiché i due escono allo scoperto, e il cantante decide di vivere con lei, la sua anima gemella (“La mia nuova compagna è all’antica, come me”), quella che si rivelerà l’ultima storia d’amore della sua vita. All’epoca Amanda aveva 50 anni e, proprio per lei, il musicista mette in dubbio tutte le certezze che aveva per poi lasciare Fabiana Sciabbarrasi e trasferirsi a Roma con la nuova compagna. Dopo due anni di relazione i due hanno ormai costruito un legame stabile, tanto da portare Pino a rilasciare un’intervista al Corriere della Sera in cui dichiara: “Dopo due famiglie non smetto di credere nell’amore. Perché se smetti di crederci non vivi più. E poi io non sono uno che consuma l’attimo, ho bisogno di un futuro fatto di certezze… Mi definisco all’antica. E la mia nuova compagna la pensa esattamente come me. Al secondo fallimento matrimoniale potrebbe sembrare un controsenso, ma io credo nella famiglia. Perché sono cresciuto con i valori che mi sono stati tramandati dalla generazione del dopoguerra”.

Amanda Bonini e Pino Daniele: la vita insieme e il rapporto con i figli…

Come detto, la coppia si trasferisce in una residenza romana, la stessa dove il cantautore avrebbe dovuto andare a vivere con Fabiola e i tre figli Sara, Sofia e Francesco. Come molto spesso succede i questi casi, infatti, i primi a finire di mezzo alle diatribe familiari sono proprio i figli, che vivono la separazione dei genitori in prima linea. E a tale proposito si è confessata Sara, in un’intervista a Vanity Fair: “Avevo sedici anni e certamente ne ho sofferto, ma ho sempre pensato che non è giusto stare insieme solo per i figli. Siamo una generazione in cui ci sono più coppie separate che sposate, l’importante è vedere i genitori felici”.

Amanda Bonini esclusa dal testamento del compagno

Pino Daniele ha suddiviso equamente il proprio patrimonio tra chi, a parer suo, ne avrebbe dovuto beneficiare maggiormente: i figli. Si parla di diritti d’autore, beni immobili, azioni. E infatti la compagna Amanda Bonini, così come la famiglia napoletana composta dai tre fratelli, le due sorelle e i nipoti, sono stati esclusi dal testamento. Il patrimonio è stato diviso, quindi, al 50% tra i cinque figli Cristina, Alessandro, Sara, Sofia e Francesco. Dell’altra metà, il primo 25% è andato a Fabiola (da cui non è riuscito a separarsi ufficialmente) e il restante 25% ancora ai figli, ma solo i tre più giovani, avuti dal secondo matrimonio.

Amanda Bonini racconta la sera della scomparsa di Pino Daniele

Ciò che è accaduto il 4 gennaio 2015, il giorno della morte dell’artista, è stato raccontato in esclusiva al TG1 dalla compagna Amanda Bonini, che ha raccontato di come quella sera "Pino aveva dei fastidi, sentiva dei doloretti dietro alle spalle… Il medico mi diceva di stare tranquilla. Evidentemente riteneva che non fosse una situazione grave". E poi ecco i dettagli della tragica sera: "La sera del 4 gennaio eravamo pronti a metterci a tavola, ma al momento di alzarsi dal divano ha iniziato ad avvertire un problema. "Mi sento strano" ha detto. Ho visto che iniziava a sudare freddo. Quindi chiamo Achille (Gaspardone, il cardiologo), comunicandogli che forse la pressione stava scendendo. Lui ci consiglia di alzargli le gambe…". Successivamente il trasporto a Roma, ma Pino muore prima di arrivare all’ospedale: "Mi teneva la mano. Poi a un certo punto, proprio poco prima di arrivare al Sant'Eugenio non parlava più. E io gli ho chiesto “Se mi senti, stringimi la mano”. Mi ha stretto due volte la mano, come per dire ciao".

Amanda Bonini su Facebook

Per quanto riguarda l’attività di Amanda Bonini su Facebook, non sembra esserci molto da dire, così come in generale per l’attività della donna sui social network. Sulla piattaforma di Zuckerberg Amanda è presente con un comune profilo personale (non una pagina pubblica), in cui si fa vedere molto raramente pubblicizzando trasmissioni che la riguardano, postando scatti delle sue vacanze o ringraziando semplicemente i fan per i messaggi rivolti a lei. Molto forti, invece, i post dedicati alla scomparsa del marito e le frasi molto toccanti in sua memoria. Tutto questo a conferma della volontà di Amanda Bonini di restare fuori dai riflettori, e di vivere la propria vita senza attirare troppo l’attenzione dei media.