Pio e Amedeo battono «Matrix Resurrections» e «Spider-Man» al botteghino: è polemica

·1 minuto per la lettura

Il film comico dei foggiani Pio D’Antini e Amedeo Grieco, ha scalato il box office aggiudicandosi un incasso che sia aggira intorno al milione di euro.

La commedia, scritta con il regista Gennaro Nunziante e girata tra Sant'Agata di Puglia e Milano, secondo i dati Cinetel, nel weekend ha totalizzato 998.942 euro, con 139.504 spettatori, battendo la concorrenza dei blasonati film targati Warner Bros: «Matrix Resurrections» e «Me contro Te – Persi nel tempo».

L’italianissimo «Belli Ciao» ha scalzato anche l’atteso «Spider-Man: No Way Home».

Comprensibile l’esaltazione dei due attori pugliesi.

«Al primo giorno siamo in testa al box office, scalzando colossi americani e sfidando questo periodo complicato: stamattina tutto ha il profumo di un’impresa».

Tuttavia il magazine Rolling Stone ha puntato il dito contro la commedia, definendola «sbagliata dal primo all’ultimo minuto – per fortuna pochi: 87 in tutto», per poi aggiungere ulteriori frecciatine.

«Quello che si fa fatica a comprendere è l’immaginario comico rimasto a vent’anni fa, no: di più», si legge nello storico periodico.

Anche la recensione del magazine Esquire è tranchant.

«Un film innocuo come mille altri ne abbiamo visti e quanto di più pigro e scontato ci sia sul mercato della comicità».

Al coro dei detrattori si è aggiunto anche Alessio Giannone, alias Pinuccio, che implicitamente critica la performance dei due colleghi.

«Ho visto un film... per fare Checco serve cultura non bastano 4 battute in croce e un vestito da politicamente corretto che ti va strettissimo se non hai argomenti».

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli