PNL: cos'è la Programmazione Neurolinguistica e a cosa serve

Di
·4 minuto per la lettura
Photo credit: marchmeena29 - Getty Images
Photo credit: marchmeena29 - Getty Images

La Programmazione Neurolinguistica, in breve PNL, è una metodologia comunicativa che promette di ottenere successo sul lavoro e nelle reazioni personali. Secondo questa disciplina i modi con cui utilizziamo il linguaggio verbale e non verbale (incluse le movenze e gli outfits) influenzano positivamente o negativamente gli stati d’animo e i comportamenti dei nostri interlocutori. Parliamo di disciplina perché la PNL non è considerata una scienza: viene annoverata nella branca delle pseudoscienze poiché priva di ogni riscontro e fondamento scientifico.

PNL cos'è?

La PNL nasce in California intorno agli anni settanta per opera dello psicologo Richard Bandler e del linguista John Grinder. I due fondatori pensarono che studiando i modelli di comportamento di importanti personaggi potessero poi applicarli ad altre persone. L’imitazione o modeling, come viene chiamato, è una delle metodologie più adottare dalla PNL: imitare il modo di parlare ed i comportamenti delle persone di successo porterebbe a raggiungere gli stessi risultati. La tecnica del modeling, favorendo abitudini di successo, aiuterebbe anche ad amplificare comportamenti facilitanti facendo diminuire drasticamente quelli limitanti. Purtroppo neanche gli autori riuscirono a portare evidenze empiriche a sostegno delle loro teorie, fatto che non ha dato al PNL nessun sostegno da parte della comunità scientifica.

Photo credit: iMrSquid - Getty Images
Photo credit: iMrSquid - Getty Images

Come funziona la PNL

La Programmazione Neurolinguistica punta a potenziare le abilità cognitive e a migliorare le capacità comunicative per ottenere risultati positivi nella vita di tutti i giorni e nel lavoro.

La PNL mette in evidenza tre elementi:

  • Programmazione: le sequenze che regolano i processi neurologici che sono alla base dei comportamenti umani.

  • Neuro: fa riferimento ai processi neurologici del comportamento umano, ossia come il sistema nervoso riceve gli stimoli e li rielabora.

  • Linguistica: fa riferimento al codice linguistico che decodifica questi comportamenti e li trasforma in linguaggio

La PNL parte dal principio delle mappe concettuali (o esperienze soggettive delle relazioni) con cui le persone rappresentano il loro mondo. Una volta individuate e catalogate tali mappe si può modificare il pensiero e gli orientamenti. Una tecnica che attraverso l’uso consapevole del linguaggio porta a modificare i comportamenti di una persona e il suo schema mentale.
Nella teoria ipotizzata dal modeling si definisce un modello comportamentale da replicare nel "paziente" tramite l'acquisizione dei modelli considerati efficaci. A questi si affiancherebbero modelli già in possesso del paziente, frutto di esperienze passate e positive.
Il modeling, ossia modellamento, cioè la pratica di rilevare e riprodurre modelli comportamentali, può essere di due tipi: intuitivo o analitico.
Il primo avviene tramite un imitazione del tutto inconsapevole mentre il secondo, quello analitico, prevede una raccolta di informazioni sulla strategia messa in atto dalla persona per ottenere un certo risultato. In pratica si individuano i meccanismi chiave dell'abilità desiderata, e si cerca di replicarli.
Il ruolo dell'esperto di PNL, sarebbe dunque quello di aiutare la persona, cioè il paziente, a individuare la sua mappa del mondo, svolgendo domande specifiche per stimolare il processo successivo del modellamento nel ricevente.

PNL tecniche per la vendita

La Programmazione Neurolinguistica si propone come strumento utile per influenzare fattori quali l'istruzione, l'apprendimento, la negoziazione, la vendita, la leadership e il team-building. Ma ha anche trovato campi di applicazione nei processi decisionali e creativi, nello sport e nel counseling è un metodo di comunicazione e un sistema di life coaching e self-help. Il segreto sta nell’attingere dalle esperienze positive altrui per raggiungere i propri obiettivi. È una tecnica utilizzata specialmente dai manager, dai politici e da coloro che oggi chiamiamo “influencer”, ossia quegli individui che influenzano il pubblico con le loro idee e le loro scelte.

PNL in psicologia

La programmazione NeuroLinguistica può intervenire anche in modo positivo sull’ansia, le fobie o lo stress. Può aiutare a raggiungere obiettivi professionali, aumentando anche la motivazione. Aiuta in generale le capacità comunicative migliorando le relazioni e i rapporti interpersonali. Facilita il raggiungimento di obiettivi come la preparazione a gare sportive, esami universitari, l’esito positivo di diete per il controllo del peso.

Il PNL in Italia

In Italia vediamo la sua diffusione all'inizio degli anni ottanta nel settore della formazione manageriale. I numerosi corsi privati che formano gli operatori di PNL, ad esempio, non sono promossi da scuole di psicologia, anche se spesso vi insegnano psicologi (come nel caso del fondatore Richard Bandler, che tuttavia non è iscritto ad alcun albo professionale).
Nel 2004, in Italia, il MIUR ha permesso ad una scuola di psicoterapeuti di Bari, che fa uso anche della Programmazione Neurolinguistica terapeutica, di attivare un corso di formazione per psicoterapeuti. Per ora le certificazioni PNL non hanno riconoscimento ufficiale e non consentono l'esercizio della professione di psicologo, per il quale esiste un titolo di laurea magistrale con annessa iscrizione all'albo. Dal 2013 è però possibile in Italia entrare nel registro professionale dei counsellor.