Posso capire subito se lui ha un disturbo di personalità?

·3 minuto per la lettura
Photo credit: Malte Mueller - Getty Images
Photo credit: Malte Mueller - Getty Images

Riconoscere un disturbo di personalità può essere arduo anche per gli addetti ai lavori. Ma vogliamo parlarne con voi perché un disturbo di personalità è una modalità stabile di relazionarsi con se stessi, con gli altri e con il mondo che ha un impatto su come la persona “funziona”.

Comportamenti altalenanti, impulsivi o incomprensibili possono generare un dubbio, il mio partner potrebbe soffrire di un problema di personalità?

Un disturbo di personalità può non palesarsi immediatamente all’inizio della relazione, può non saltare subito all'occhio, ma può generare sofferenza in chi ne è portatore e talvolta anche nel partner, proprio perché un disturbo di personalità può influenzare l'atteggiamento verso i colleghi, il capo, i familiari o col partner in una storia. Un disturbo di personalità è infatti un insieme pervasivo di sentimenti, pensieri e comportamenti che influenza costantemente la persona e può avere un impatto anche sull'area del controllo degli impulsi, della gestione delle emozioni e l’intimità.

Le prossime righe non vi aiuteranno a fare una diagnosi che è di competenza esclusiva dei professionisti della salute mentale (come gli psicologi e gli psichiatri) così come la cura e la riabilitazione, ma vi daranno dei segnali nel caso in cui steste pensando di capire e approfondire meglio la situazione.

I disturbi di personalità sono molto diversi tra loro: basti pensare alle differenze tra un disturbo evitante o un disturbo narcisistico o paranoide. Già questi termini ci fanno intuire le profonde differenze che corrono tra le persone che sviluppano nella tarda adolescenza o nella prima età adulta un disturbo relativo alla personalità. Ci sono disturbi che vengono nominati anche nel linguaggio comune, anche con leggerezza, ma dietro cui può nascondersi una profonda sofferenza, è il caso ad esempio del disturbo borderline di personalità.

Ognuno di questi disturbi è caratterizzato da tratti, emozioni e comportamenti propri che con il tempo si sono cronicizzati, ma in generale le persone con un disturbo di personalità possono apparire cronicamente infelici. Le persone con un disturbo di personalità presentano diverse aree vitali di insoddisfazione o sofferenza: per esempio possono presentare la stessa difficoltà sia sul lavoro che in famiglia o con il gruppo di amici (ad esempio: sospettosità).

Chi soffre di un disturbo di personalità da un lato non è molto consapevole delle proprie difficoltà, dall’altro sente che c’è qualcosa che non va, che soffre, che alcune situazioni lo mettono in ansia, o manca di motivazione o non riesce a raggiungere ciò che vuole, ma finisce sempre per attribuire le cause dei propri comportamenti a ragioni esterne.

La sofferenza generata da un malessere che appare casuale e incomprensibile a chi ne soffre, spinge talvolta all'abuso di sostanze o alcool, o all'uso di cibo in modo inappropriato, o ad altri comportamenti impulsivi. I disturbi di personalità possono presentarsi da soli o accompagnati da ansia, disturbi dell'umore, disturbi alimentari o gioco d'azzardo patologico.

Ogni disturbo di personalità si traduce in un modo diverso di stare in coppia, e sebbene sia necessario generalizzare con cautela, possiamo dire che ogni personalità influenza uno stile affettivo diverso: alcuni comportamenti rigidi, bizzarri, impulsivi o provocatori risultano più comprensibili se letti entro una difficoltà sul piano della personalità. Tuttavia i disturbi di personalità hanno diversi gradi di gravità, per cui è certamente consigliabile e importante, intervenire con un aiuto specialistico. I disturbi di personalità infatti, anche se in alcuni casi tendono a ridimensionarsi nell’età adulta/anziana, non “passano da soli”. L’ottima notizia è che la psicoterapia ha oggi molti strumenti per intervenire: dalla psicoterapia basata sulla mentalizzazione, alla terapia metacognitiva, alla terapia sistemica nel lavoro con le coppie e le famiglie, terapie che rendono possibile inquadrare e supportare le persone che sviluppano difficoltà sul piano della personalità e naturalmente anche i loro partners.

Lara Franzoni è Psicologa e Psicoterapeuta familiare "Molti dei malesseri che colpiscono le persone hanno a che fare con le loro relazioni, spesso di coppia. Mi occupo di sostenere la coppia e i singoli individui ogni volta che una relazione porta momenti di cambiamento nella vostra vita". La trovate su www.psicologiadicoppia.com

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli