Un tatuaggio contro la violenza: l’artista brasiliana che usa inchiostro e colori per cancellare le cicatrici

Le cicatrici provocate da una violenza molto spesso non spariscono mai, soprattutto quelle psicologiche, ma c’è qualcuno che ha deciso di mettere a frutto il proprio talento per aiutare le donne vittime di abusi a lasciarsi alle spalle i momenti più brutti della loro vita coprendo i segni provocati dagli uomini che dicevano di amarle con veri e propri capolavori.

Lei si chiama Flavia Carvalho, è una tatuatrice nata a Curitiba, in Brasile, ed è l’artefice di un’iniziativa che oggi aiuta decine di donne a guardarsi allo specchio con uno sguardo più luminoso: ‘A Pele da Flor’, letteralmente ‘La pelle del fiore’, è un progetto nato con l’intento di trasformare una cicatrice in un’opera d’arte grazie a inchiostro, colori, creatività e un grande cuore.

L’idea, come ha spiegato la stessa Carvalho in un’intervista all’Huffington Post, è nata quando nel suo negozio è entrata una donna che le he chiesto di coprire una grande cicatrice sullo stomaco: “Mi ha raccontato che si trovava in una discoteca, e che quando un uomo ha tentato di avvicinarla, al suo rifiuto l’ha improvvisamente accoltellata all’addome. Quando ha visto il tatuaggio finito era davvero commossa, ed è una cosa che mi ha toccata e mi ha fatta riflettere”.

Da qui la decisione di mettere il suo talento al servizio di donne vittime di violenza o reduci da mastectomie, a titolo completamente gratuito: “L’unica cosa che devono fare è scegliere il disegno che preferiscono”, ha spiegato la Carvalho, aggiungendo che “ogni tatuaggio è uno strumento per sentirsi più forti, migliorare e aumentare l’autostima”.

Un’iniziativa con cui l’artista brasiliana ha aiutato migliaia di donne a cambiare la propria immagine di sé, trasformando la cicatrice in un simbolo di bellezza, coraggio e rinascita. E che purtroppo porta avanti da sola, perché “ancora nessun altro tatuatore ha espresso il desiderio di partecipare. Si tratta di un granello di sabbia, ci sono ancora moltissime cose che dobbiamo fare per mettere fine alle violenze”. Che per moltissime donne però, come dimostrano le foto del prima e dopo che Flavia posta sul suo profilo Facebook, fa un enorme differenza.