Povertà e senzatetto: come parlarne al bambino

·3 minuto per la lettura
povertà
povertà

Parlare di povertà al bambino può aprire la strada a numerosi benefici. I bambini dai 5 agli 8 anni stanno passando dall’essere centrati su se stessi al vedersi come parte di un gruppo. Quindi, è un buon momento di sviluppo per parlare di fame e povertà. Stanno anche diventando interessati a fare qualcosa per i problemi che vedono.

I bambini in età scolare avranno molte domande: “Per quanto tempo vivrà lì quella persona? Ha dei figli?” Ciò di cui vostro figlio ha bisogno è una guida da parte vostra su come pensare al problema. Inoltre, è fondamentale riordinare i vostri atteggiamenti prima di sollevare l’argomento. Pensate a come volete che vostro figlio risponda al senzatetto – e come spiegarlo in un modo che abbia senso. Alcuni genitori vogliono che i loro figli siano cauti con i mendicanti, altri li incoraggiano ad essere amichevoli e a mostrare compassione.

Potrebbe anche essere uno spunto per introdurre un argomento molto complesso: la morte.

Come iniziare a parlare di povertà e senzatetto

Stabilite il vostro messaggio. Quando incontrate un mendicante, siete preoccupati per il benessere della persona – o siete infastiditi di essere disturbati? “A volte i genitori comunicano valori che non intendono realmente, ma lo fanno inconsciamente”, dice Judith Myers-Walls, professoressa di sviluppo infantile e studi sulla famiglia alla Purdue University. Se non dite mai nulla delle persone che dormono sulla strada che percorrete ogni giorno, potreste inviare il messaggio che non va bene parlarne o che siete indifferenti.

Quando vostro figlio diventa curioso, questo è il vostro spunto per elaborare i vostri pensieri in modo da poter comunicare un messaggio chiaro. Quali sono le vostre regole su quanto amichevole o cauto volete che vostro figlio sia?

spiegare povertà bambini
spiegare povertà bambini

Tirate fuori l’argomento in modo naturale. Se incontrate un senzatetto o vedete un servizio sulla povertà in TV, chiedete a vostro figlio cosa pensa che significhi la parola povero o senzatetto. Una gita in una grande città o un’amicizia con un bambino a scuola la cui famiglia ha un basso reddito potrebbe innescare una conversazione che vi darà la possibilità di chiarire qualsiasi malinteso. Anche spiegare le malattie può essere fondamentale, dato che rientra in questo complesso quadro.

Incoraggiate l’empatia. Iniziate dicendo qualcosa come “Penso che sia triste che quella persona non abbia un posto dove vivere”. Chiedete a vostro figlio di aiutarvi a raccogliere oggetti per la casa da dare in beneficenza o pianificare un viaggio per fare volontariato in una dispensa di cibo. “Aiutate i bambini a pensare a ciò che le persone potrebbero provare piuttosto che trattarle solo come un oggetto di cui parlare”, dice Myers-Walls. Se sentite vostro figlio – o qualsiasi bambino nella sua cerchia sociale – prendere in giro un senzatetto, siate chiari sul fatto che la mancanza di rispetto non va bene.

Spiegate le vostre azioni. Potreste dire qualcosa come: “Gli comprerò un panino ma non gli darò dei soldi, perché a volte le persone non spendono i soldi in modi che li aiutino. In questo modo so che sarà d’aiuto”. Oppure si potrebbe dire: “No, non do soldi alla gente per strada, ma do soldi a programmi che li aiuteranno”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli