Pranzo di Natale dopo il tampone, l'idea dell'esperto

Primo Piano
·1 minuto per la lettura
Pranzo di Natale dopo il tampone, l'idea dell'esperto (Getty Images)
Pranzo di Natale dopo il tampone, l'idea dell'esperto (Getty Images)

La soluzione per salvare il pranzo di Natale esiste: tutti i partecipanti dovranno fare un tampone il giorno prima e risultare tutti negativi. L’idea è stata lanciata dal virologo Giovanni Di Perri, responsabile Malattie Infettive dell’Ospedale “Amedeo di Savoia” di Torino, sulla Stampa.

In casa, infatti, mascherine e distanziamento non bastano: stando a tavola per tanto tempo il coronavirus gira e basta un solo commensale positivo per diffondere il contagio a ogni respiro.

GUARDA ANCHE - Covid, Rsa con la stanza degli abbracci

Il test fatto il giorno prima, nonostante sia una soluzione estrema perché la cosa migliore sarebbe proprio evitare di fare pranzi e cene con tante persone, dà delle garanzie.

Nei giorni delle festività, inoltre, sarebbe meglio restare il più possibile in famiglia: basta uscire per fare la spesa, infatti, e torna il rischio di contagio.

Proprio qualche giorno fa, la sottosegretaria alla Salute Sandra Zampa aveva spiegato: “Credo che il Natale sarà ben diverso da quello che abbiamo conosciuto, al cenone solo la famiglia, ovvero i parenti di primo grado. Non credo che ci possano essere allenamenti delle misure per Natale. Ci sarà un provvedimento che riguarderà proprio le festività. A Natale in famiglia sì, ma solo nel nucleo ristretto, parenti di primo grado. La gran parte delle restrizioni attuali è bene che restino, magari con un allentamento del rigore per alcuni esercizi”.

GUARDA ANCHE - Covid, il malato è grave ma deve restare al gelo