Presente già in Italia da molti anni la malattia sta "vivendo" un momento di forte contagiosità

I sintomi del West Nile virus
I sintomi del West Nile virus

Dopo il Covid tiene banco e suscita preoccupazione in Italia il West Nile virus, ecco quali sono i sintomi, come si trasmette e come proteggersi. Presente già in Italia da molti anni la malattia sta vivendo un momento di forte contagiosità. In poche settimane i casi sono aumentati, specie in provincia di Padova, ma di cosa parliamo? Il cosiddetto virus del Nilo Occidentale fa parte dello stesso gruppo di patogeni della febbre gialla. Venne stato isolato nel 1937 nel distretto di West Nile in Uganda, quando una donne ebbe febbri altissime.

West Nile virus, ecco tutti i sintomi

Il WNV è una antropozoonosi, cioè colpisce sia gli uomini sia alcune specie di altri animali. Il virus del Nilo Occidentale è presente in particolare negli uccelli ma è stato trovato anche in rettili, moscerini e zanzare, queste ultime responsabili di quasi tutte le trasmissioni all’uomo. Il WNV è molto pericoloso per i cavalli e con essi ha un tasso mortalità tra il 20 e il 57%. E l’incubazione? Fra 2 e i 15 giorni con eccezioni fino ai 21 giorni. Un paziente su quattro è sintomatico.  Si, ma con quali sintomi? Febbre alta, malessere generale, mal di testa, inappetenza, nausea, ed anche dolori muscolari, dolore agli occhi, tosse, eruzioni cutanee, difficoltà a respirare. Si sono registrati anche disturbi gastrointestinali come vomito e diarrea e nei casi severi encefalite e meningite, il che rende specie per gli anziani il WNV un pericolo neurologico concreto. Sintomi esacerbati in questa categoria sono: febbre molto alta, confusione mentale, disorientamento, cefalea molto marcata, fino a convulsioni e coma.

La catena da uccello a zanzara a uomo

Chi ci trasmette il virus? Vettore principale sono le zanzare, mentre gli uccelli sono le sue personali “incubatrici e navette di viaggio”. Come funziona la trasmissione? La zanzara punge un uccello infetto, poi punge un uomo e lo contagia. Come ci si protegge dal WNV? Preventivamente con repellenti severi contro le zanzare ed altri insetti ematofagi, ex post esistono solo farmaci contro i sintomi severi come meningite ed influenze di massimo rango.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli