Preziosi consigli per insegnare la gratitudine ai figli

insegnare la gratitudine
insegnare la gratitudine

Insegnare la gratitudine ai figli è uno degli aspetti più importanti. La maggior parte dei genitori desidera crescere figli che siano gentili e grati per i doni che ricevono dagli altri. Nessuno di noi vuole avere “quel bambino” che si comporta come un monello con diritto o che si arrabbia quando non riceve il regalo che desiderava.

In un mondo che insegna ai nostri figli che lamentarsi e cercare sempre di ottenere “di più” e “meglio” è la norma, educare i nostri figli ad avere un atteggiamento di gratitudine e riconoscenza può essere una sfida.

Come insegnare la gratitudine ai figli

Modello di gratitudine

I genitori grati tendono a crescere figli grati. Come per tutte le cose che imparano, i bambini tendono a guardare e a emulare ciò che fanno e come agiscono i loro genitori. Se vogliamo crescere figli grati, dobbiamo innanzitutto praticare noi stessi la gratitudine.

Questo può significare dire “grazie” a tutti, dalla cassiera del supermercato allo sconosciuto che ci apre la porta del bar. Può anche trattarsi di parlare di gratitudine in ogni circostanza (anche quando è difficile). Per esempio, invece di lamentarvi del tempo uggioso, condividete quanto siete grati di avere una scusa per stare a casa e fare una giornata di cinema.

Creare un barattolo o una bacheca della gratitudine

Creare un barattolo di gratitudine o una bacheca di famiglia è un modo più tattile per aiutare i bambini a imparare a esprimere gratitudine. Ogni membro della famiglia può aggiungere le cose per cui è grato durante la settimana. Alla fine della settimana, magari durante una bella cena, potete leggere i foglietti ad alta voce per onorare le cose belle che accadono nella vita di ciascuno di loro.

come insegnare la gratitudine ai figli
come insegnare la gratitudine ai figli

Iniziare un rituale di gratitudine

Come famiglia, iniziate un rituale di gratitudine in cui vi riunite e condividete ogni giorno tutte le cose per cui siete grati. Un modo comune per farlo è intorno alla tavola. Molte famiglie di fede iniziano la preghiera della sera ringraziando per tutto ciò che Dio ha dato loro. Se questa è una cosa che fate in famiglia, magari date ai vostri figli la possibilità di condividere ciò per cui sono grati con la loro preghiera.

Se siete una famiglia laica, potete condividere a turno ciò per cui siete grati. Oppure potete parlare di gratitudine ai vostri figli al momento di andare a letto e chiedere loro di condividere le benedizioni di quel giorno. Qualunque sia il rituale che creerete, assicuratevi di farlo con costanza.

LEGGI ANCHE: