Principe Andrea: la polizia britannica blocca le indagini

·1 minuto per la lettura

La polizia britannica non sottoporrà il principe Andrea a ulteriori indagini.

Virginia Giuffre aveva accusato il terzogenito della Regina Elisabetta di aver approfittato sessualmente di lei quando aveva appena 17 anni, aggiungendo di essere finita nel losco giro di traffico di minori del defunto Jeffrey Epstein.

Il finanziere, suicidatosi in carcere nel 2019, ha abusato varie ragazze, messe a disposizione da amici ricchi e potenti in giro per il mondo.

La Giuffre ha raccontato di essere stata reclutata dalla socialite Ghislaine Maxwell e successivamente consegnata a Epstein.

La donna sostiene di aver sofferto di traumi psicologici dopo gli incontri con il principe, che, dal suo canto, ha sempre rispedito al mittente ogni accusa.

Nel 2019, Andrea ha dichiarato alla BBC di non avere mai avuto alcun rapporto sessuale con la donna, oggi 38enne: «Non è mai successo».

Nella giornata di ieri, 11 ottobre, la Metropolitan Police ha comunicato di avere interrotto le indagini.

«Come prassi, gli ufficiali MPS hanno esaminato un documento pubblicato nell'agosto 2021, parte di un'azione civile negli Stati Uniti. Questa revisione si è conclusa e non intraprenderemo nuove azioni».

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli