Pulizie di casa: cos’è il metodo giapponese delle 5S?

Pulizie di casa: cos’è il metodo giapponese delle 5S? (Getty)
Pulizie di casa: cos’è il metodo giapponese delle 5S? (Getty)

Hai la casa sempre in disordine e fare le pulizie è diventato un’impresa? In soccorso arriva il metodo giapponese delle 5S. Pensato per mantenere ordine all’interno delle aziende, così da facilitare anche la pulizia degli spazi di lavoro, è stato applicato con successo anche agli ambienti domestici. Il nome del metodo si riferisce alle iniziali delle cinque parole su cui si basa.

La prima è “Seiri”, che significa “classificare”. In altre parole riguarda la capacità di suddividere gli oggetti della stanza classificandoli come necessari e non necessari. Il principio che sta alla base della fase “Seiri” è quello di tenere nella propria casa solo gli oggetti che vengono usati, dunque che servono davvero.

LEGGI ANCHE: Come pulire a fondo il box doccia in cristallo e i suoi accessori

Il secondo passaggio è “Seiton”, ossia “ordinare”. Una volta terminato il “Seiri”, è opportuno ordinare gli oggetti che si è deciso di tenere. In particolare, gli articoli usati con più frequenza dovranno essere posizionati a portata di mano, gli altri potranno essere riposti.

Poi arriva la terza fase, altrimenti nota come “Seiso”, cioè “pulire”. Quando gli spazi sono ordinati, con gli oggetti sistemati negli appositi spazi, non rimane che pulire. Vedrete che la pulizia sarà una passeggiata quando avrete ordinato tutto seguendo le “S” precedenti.

LEGGI ANCHE: Come arredare la casa al mare, 5 idee per fare un figurone con gli amici

La penultima fase è nota con il nome di “Seiketsu”, che significa “sistematizzare”. Questo vocabolo identifica la metodologia con la quale si organizzano le fasi di lavoro. Il metodo giapponese delle 5S ha infatti dimostrato che pianificare bene le faccende riduce i tempi e il dispendio di energie inutili. Dunque è importante dividere il lavoro tra i membri della famiglia e dare priorità alle faccende più pesanti, lasciando quelle più “leggere” alla fine.

Il quinto e ultimo passaggio è il “Shitsuke”. Vuole dire “disciplinare” e ricorda che è importante seguire alla lettera tutte le quattro fasi precedenti per riuscire nell’impresa di pulire e riordinare perfettamente la casa. L’importante è essere costanti e, appunto, disciplinati.

GUARDA ANCHE: Michelle Hunziker: pulizie e faccende in abito da sera, troppo sexy e divertente!