Qual è il dress code per un incontro a Buckingham Palace?

Di Redazione
·2 minuto per la lettura
Photo credit: Fox Photos - Getty Images
Photo credit: Fox Photos - Getty Images

From Harper's BAZAAR

Una monarca come la regina Elisabetta II, da sempre utilizza l'abbigliamento come metodo di comunicazione: per adempiere ai suoi ruoli, tra cui il ricevere importanti banchetti di stato, conferire istituzioni e così via, il look deve soddisfare determinati requisiti. Prima di tutti, quello della visibilità: la regina deve essere il membro più in vista tra i presenti - la ragione è anche la sicurezza della stessa. Ma quando si tratta di visite a Buckingham Palace, qual è il dress code adatto per coloro che lo visitano privatamente? Come ci si deve vestire per un incontro formale con la monarca o altri membri della royal family?

Photo credit: Serge Lemoine - Getty Images
Photo credit: Serge Lemoine - Getty Images

Se per visitare il palazzo durante le ore del giorno, secondo il piano di visite turistiche più classico, non è necessario ricorrere a specifici dress code, in occasione di un evento privato - come una cerimonia, un garden party etc. - le regole possono variare. Solitamente è l'invito stesso a dichiarare il dress code richiesto da palazzo, ma ciò è causa ugualmente di perplessità. Per un ricevimento all'aperto, come il celebre garden party organizzato dalla regina ogni anno, gli uomini sono invitati a indossare un completo da giorno, mentre le donne devono prediligere abiti da giorno, con cappelli o fascinator, che sono solitamente richiesti. Anche le uniformi e l'abito nazionale sono consueti in questa occasione.

Per un incontro privato con le altezze reali, invece, il dress code può variare a seconda dell'occasione. Si ricorda ancora, per esempio, la visita negli Stati Uniti di William e Kate, che, come riporta Buro24/7, causò particolare trambusto: alla stampa americana era stato esplicitamente richiesto di indossare tailleur con pantaloni o gonna, per le donne, mentre abito con giacca e cravatta per gli uomini. La fashion editor del The Guardian, invece, ricorda un evento particolare in cui, a molti membri dell'industria moda britannica, era chiesto di partecipare a un evento a Buckingham Palace. L'invito recitava il dress code per l'occasione: "Il dress code raccomandato è un abito da giorno/un completo da giorno. Si noti che le indicazioni sono solo una guida, e non intendono precludere altre tipologie d'abito. Cappello e guanti non sono richiesti". Nonostante la sua specificità, davanti a un'indicazione come questa, la editor ricordava la grande indecisione avuta prima dell'evento.

La soluzione per non incorrere in affanno, è affidarsi sempre alle indicazioni dell'invito ufficiale a corte, sul quale è sempre annotato anche l'ufficio competente a cui rivolgersi in caso di perplessità di vario tipo. Tuttavia, Debrett's, coaching company inglese che dal 1769 fornisce lezioni e consigli sull'etichetta e le buone maniere, raccomanda: "In genere è meglio tendere al lato più conservatore quando si interpretano i codici di abbigliamento. Ad esempio, se si specifica la cravatta nera, le donne potrebbero voler indossare un abito lungo, piuttosto che un abito da cocktail corto, e non scegliere tessuti trasparenti o in altri modi molto rivelatori". Non si può sbagliare.