Qualcuno ha detto a Julia Roberts che è brutta e non merita di lavorare più, okay ne prendiamo atto

Di Redazione Digital
·2 minuto per la lettura
Photo credit: Mike Marsland - Getty Images
Photo credit: Mike Marsland - Getty Images

From Marie Claire

Anche a Julia Roberts è successo quello che prima o poi tocca a chiunque si esponga sui social, famoso o meno famoso. È stata giudicata. Anche a Julia Roberts anni 53 e filmografia infinita è toccata la gogna mediatica che tocca a chiunque decida di mettere la propria faccia su un grande schermo, senza prima passare dal via di uno studio di medicina estetica. Anche Julia Roberts, come le colleghe cui è toccata medesima sorte, ha deciso di alzare la voce, dire la sua, mettere nero su bianco i sentimenti che si provano quando un commento, senza arte né parte, può stroncarti la carriera e, soprattutto, l’autostima. A differenza di quando lo showbiz ci mostri e dimostri, non nasciamo tutti #selfconfident, #bodyconscious, menefreghisti del pensiero altrui. Le parole fanno male, soprattutto se risuonano ai cinque continenti, soprattutto se fanno capo a una lista sterminata di persone, soprattutto se da quelle parole dipende anche il mestiere che hai fatto per tutta la tua vita.

“Sotto una foto mi hanno scritto: come stai invecchiando male, sei orribile. Quello che è successo mi ha fatto capire quanto deve essere difficile essere una giovane donna al tempo dei social. Ho 50 anni, so chi sono e so cosa voglio, ma commenti del genere possono ferire”, ha scritto Julia Roberts su Instagram, un commento a corredo delle dichiarazioni rilasciate in occasione di diverse interviste recenti, in cui lamentava proprio il fatto di star vedendo la propria carriera traballare proprio perché non più conforme agli ideali e canoni estetici di bellezza attuali. “Voglio invecchiare con dignità, umorismo e serenità, senza fare ricorso alla chirurgia plastica. L’importante è non prendere questo mestiere troppo sul serio. Se non vogliono darmi un ruolo perché sembro vecchia, vorrà dire che il progetto me lo produco io”, ha continuato l’eterna Pretty Woman del cinema, dichiarando tra le righe di non voler uniformarsi a ciò che l’industria cinematografica avrebbe voluto per lei, cambiare. “Ho gli specchi anche io ma non sono ossessionata dall'idea della bellezza a tutti i costi. Qualcuno ha detto che fino ai quaranta vesti la tua vita con il tuo viso, dopo inizi ad indossare la tua vita sul viso, il che dovrebbe portarmi ad avere una faccia carina, perché sono felice della mia vita.”