Quali sono le nuove tendenze per i viaggi dell'estate 2021 e cosa faremo?

·3 minuto per la lettura
Photo credit: Marko Geber - Getty Images
Photo credit: Marko Geber - Getty Images

La prima cosa che faremo non appena tutto questo sarà finito sarà tornare a viaggiare. Quante volte ce lo siamo ripetuti in questo ultimo anno e mezzo di pandemia? Ora che i vaccini sono sempre più disponibili e presto arriverà anche il green pass italiano, i tempi sembrano maturi per tornare a organizzare le proprie vacanze. Ma come cambierà il nostro modo di viaggiare dopo oltre un anno di pandemia e dopo il crollo delle prenotazioni dello scorso anno? Secondo un sondaggio promosso da Airbnb la parola d'ordine dell'estate 2021 sarà flessibilità. L'esperienza di smart working forzato è stata infatti così rivoluzionaria che moltissimi non vorranno più rinunciare alla possibilità di scegliere dove, quando, come lavorare e, di conseguenza, andare in vacanza.

Photo credit: Pakin Songmor - Getty Images
Photo credit: Pakin Songmor - Getty Images

Nel programmare un viaggio i turisti di Austria, Francia, Messico, Regno Unito e Stati Uniti guarderanno a tre fattori: prezzo, sicurezza e flessibilità. Ma di questi, la flessibilità di giorni e orari di prenotazione resta il requisito più importante. Un'altra tendenza tipica dell'ormai prossima estate è quella di prenotare sia brevi fughe nei weekend sia soggiorni lunghi, anche di 28 giorni, che nel 2021 interessano ben il 24% dei viaggi, contro il 14% del 2019. Per questi lunghi soggiorni nell'80% dei casi (contro il 50% del 2020) il turista preferirà evitare gli alberghi e prendere in affitto una casa, ritenuta più sicura e pratica. Nell'abitazione in affitto il turista può infatti trasferirsi con l'intera famiglia — bambini e animali domestici inclusi, ma anche amici e fidanzati — e gestire con maggiore agilità il proprio lavoro da remoto. Non è un caso che le prenotazioni di alloggi che possono ospitare dalle cinque persone in su siano globalmente aumentate dal 35% nell’estate 2019 al 54% per quella 2021, incremento visibile anche per l’Italia, che passa dal 33% al 53%.

Photo credit: Courtesy of Airbnb
Photo credit: Courtesy of Airbnb

Nell'epoca del distanziamento sociale, delle feste contingentate e del coprifuoco il 47% degli intervistati ritiene che scegliere con chi stare in vacanza sia più importante dei luoghi che si visitano, contro il 27% per il quale la meta del viaggio resta al primo posto anche rispetto alla compagnia. Al momento della prenotazione le persone tenderanno a evitare le mete più battute dove il turismo di massa rischia di compromettere l'esperienza del viaggio. Verranno invece preferite destinazioni più isolate, ma sempre dotate di buona connessione di rete per poter continuare a lavorare anche da remoto. Non a caso rispetto al 2019 in Francia, Germania, Italia e Corea del Sud le mete predilette nel 2021 non saranno più, rispettivamente, le capitali Parigi, Berlino, Roma e Seul, ma le regioni della Provenza-Costa Azzurra, le località affacciate sul mar Baltico, la Sardegna e l'isola vulcanica di Jeju. Mentre per quanto riguarda gli Stati Uniti e le destinazioni più ambite saranno quelle in prossimità dei parchi naturali come l'Acadia National Park sulla costa Atlantica del Maine, le Black Hills nel Sud Dakota, il West Yellowstone, il Florida Panhandle, la spiaggia di Panama, il Park County nel Montana e il Whitefish Mountain a ovest del Glacier National Park per una vacanza all'insegna della natura e del relax.

Photo credit: KDP - Getty Images
Photo credit: KDP - Getty Images

Le abitudini vacanziere sono cambiate, ma non al punto da allontanarci del tutto dalle città. Per chi non riesce a rinunciare al suono vibrante delle metropoli le destinazioni più richieste per i soggiorni lunghi restano New York, Seattle e Los Angeles per gli States, Melbourne e Sydney per l'Australia, San Paolo e Rio de Janeiro per il Brasile, Montreal, Vancouver e Toronto in Canada, Città del Messico, Seul e le europee Parigi, Berlino, Monaco di Baviera, Amburgo, Roma, Firenze, Barcellona, Londra, Manchester ed Edimburgo. In tutti questi Paesi le misure restrittive verranno allentate entro giugno, giusto in tempo per le vacanze. A questo punto non resta che prenotare la propria vacanza su misura.