Quando il restyling è una partita tra nuovo e antico in cui a vincere è il mix&match

Di Isabella Prisco
·2 minuto per la lettura
Photo credit: Felix Forrest
Photo credit: Felix Forrest

From ELLE Decor

Arredi scultorei, oggetti preziosi e volumi architettonici in continuo divenire: è un museo da abitare la dimora che lo studio Nina Maya Interiors ha confezionato per una giovane coppia australiana nel cuore di Bellevue Hill, l'esclusivo sobborgo orientale di Sydney, patria dei miliardari più importanti del Paese. Proprio lì, l'interior designer che si distingue per "purezza dei materiali, elementi inaspettati e dettagli progettati su misura" ha dato vita a un restyling sofisticato che strizza l'occhio al glamour moderno di designer come Kelly Wearstler. Non è un caso, infatti, che nel passato di Nina Maya ci sia una carriera pluriennale a capo di un'etichetta fashion: in termini di tendenza, questa villa è infatti un esempio riuscitissimo di mix&match.

Photo credit: Felix Forrest
Photo credit: Felix Forrest
Photo credit: Felix Forrest
Photo credit: Felix Forrest

The Art House Residence, nata sulla scia di un'antica casa mediterranea, rappresenta oggi un'architettura moderna che guarda all'estetica del lodge di lusso per incontrare le dinamiche progettuali di Anne Decker e il gusto eclatante e vistoso delle ville d'intorno. "Pensato come una tela fresca punteggiata da audaci elementi scultorei per soddisfare lo stile unico dei clienti", l'edificio incontra, al suo interno, antico e moderno. Data carta bianca dai committenti, Nina Maya ha avviato una ricerca accurata per selezionare gli arredi più adeguati al contesto che li avrebbe ospitati: "il focus era assecondare una tavolozza cromatica di toni morbidi che non sminuisse le viste mozzafiato". Da qui la scelta di utilizzare materiali costruttivi semplici ma di grande pregio: se la pietra calcarea del Montenegro ricopre i pavimenti, il marmo è stato impiegato per la cucina e per la sala da bagno.

Photo credit: Felix Forrest
Photo credit: Felix Forrest
Photo credit: Felix Forrest
Photo credit: Felix Forrest
Photo credit: Felix Forrest
Photo credit: Felix Forrest

Punto focale della casa, attraversata da un'imponente scala, è il living: impreziosito da un nobile camino, ospita una coppia di divanetti vintage Vladimir Kagan, rivestiti in tessuto Dedar e decorati da una serie di cuscini a sfera personalizzati di Nina Maya Interiors. Dello stesso team creativo è l'ottomana in pelle arricciata che guarda alla coppia di poltrone Redondo di Moroso e ai tavolini Belt Coffee e Bongo di Meridiani. Al design italiano sono poi abbinate una rara lampada vintage a forma di palma proveniente da Stephen Conley e una serie di splendide opere artistiche di Paul Rousso prese dalla galleria d'arte Piermarq e l'artwork di Rive Roshan tratto dalla Sally Dan-Cuthbert Gallery. Così, proprio come accade nel guardaroba più attento di qualunque guru della moda che voglia definirsi tale, tutto è in perfetto equilibrio: alla pesantezza del velluto risponde la leggerezza degli inserti metallici, alle nuance più cupe la luminosità del bianco.

Photo credit: Felix Forrest
Photo credit: Felix Forrest
Photo credit: Felix Forrest
Photo credit: Felix Forrest