Quando l'arte dei tarocchi strizza l'occhio a grafica e fumetto è l'ora di giocare così

Di Redazione Digital
·3 minuto per la lettura
Photo credit: Photo by Jen Theodore on Unsplash
Photo credit: Photo by Jen Theodore on Unsplash

From ELLE Decor

Un libro che vi sia da guida, un mazzo di carte dalla grafica ricercata e un pizzico di spirito magico (e di follia): così, l'arte dei tarocchi è un gioco che diverte tutti. Anche gli scettici. Con il tempo, infatti, il potere divinatorio riservato alle Sibille capaci di predire il futuro, ha ceduto il passo, anzi la mano, a puri momenti di svago o, addirittura, di meditazione. Cartomanti a parte, dunque, le carte dei tarocchi recuperano l'antica usanza dell'intrattenimento: la loro diffusione capillare risale infatti alla metà del XV secolo, quando a spopolare nelle corti di tutta Europa furono i cosiddetti Trionfi, mazzi di carte utilizzati per giochi di presa. L'origine del termine "tarocco" è tuttora ignota: per alcuni potrebbe derivare dal processo di decorazione delle carte o dal nome del fiume Taro, un affluente del Po. Altri, invece, nel tentativo di sostenere alcune ipotesi esoteriche, immaginano connessioni con antiche civiltà o con termini della Cabala. Quello che sappiamo con certezza è che ciascun mazzo è tradizionalmente composto da 78 tessere: 56 carte tradizionali, divise in quattro semi (italiani o francesi) di quattordici carte, dall'asso al dieci più quattro figure, dette anche "onori" o "carte di corte", più ventuno carte dette Trionfi, generalmente illustrate con figure umane, animali e mitologiche e numerate dall' 1 al 21, e una carta singola detta Il Matto.

Le declinazioni e le interpretazioni dei tarocchi sono ricche di sfumature: grafiche accattivanti che strizzano l'occhio all'arte pop e al linguaggio dei social si affiancano oggi alle più tradizionali illustrazioni d'autore. Figli delle nuove tecnologie (i primi esemplari si presume che fossero vergati su pergamena o incisi su tavolette di legno), quelli che i francesi chiamano cartes de tarot sono disegnati e riprodotti soprattutto mediante penne grafiche e digitalizzazione. Un esempio? Guardate la nostra selezione su Amazon e lasciatevi ammaliare dai tarocchi più particolari da comprare online e da un libro bellissimo da cui partire.

Centinaia di anni e di mani creative (mistici e artisti collaboravano spesso tra loro) hanno trasformato quello che era essenzialmente un gioco da salotto in un sistema di divinazione e auto-esplorazione, giacché ogni nuova generazione ha contribuito all’evoluzione formale dei tarocchi e alla loro reinterpretazione. L’autrice Jessica Hundley ripercorre questa affascinante storia in Tarot, volume che inaugura la nuova serie TASCHEN Library of Esoterica. Il libro indaga sul significato simbolico di oltre 600 carte, che sono altrettante opere d’arte originali, e di cui oltre due terzi non sono mai state pubblicate al di fuori del mazzo a cui appartenevano.

Tattoo Tarot è un set di 78 tarocchi splendidamente illustrato e perfettamente funzionante, che spicca per i suoi particolari disegni di tatuaggi d'antan. Questo set, basato sull'iconografia tradizionale dei tarocchi marsigliesi, porta la firma di Megamunden, già autore di Tattoo Postcards e di un meraviglioso libro da colorare ispirato al linguaggio visivo dei tatuaggi.


Ispirato all'estetica Kawaii, stile visionario giapponese famoso per la sua anima minimal e cute, il mazzo di carte ideato da Diana Lopez è un tripudio di rosa pastello e grafiche oniriche. Non a caso il deck da 78 tessere si chiama Kawaii Tarot. Al suo interno ritroviamo, tra le altre, le rappresentazioni illustrate del Mago, L'Imperatrice, Gli Amanti e Il Sole. Per scoprirne il significato, un blog dedicato leverà ogni vostro dubbio.

Con 22 arcani maggiori e 56 minori, Tarot del Fuego è illustrato da Ricardo Cavolo. Il mazzo, fedele all'iconografia dei tarocchi spagnoli usati dai gitani per predire il futuro, è un trionfo di colori iper-saturi, simboli e disegni pop. Completo di un libretto di istruzioni in cinque lingue (francese, inglese, spagnolo, portoghese e tedesco), il deck si compone sempre di 78 card.

Come seguito al suo celebre mazzo di tarocchi, Caitlin Keegan idea Illuminated Playing Cards, un set di due mazzi di carte da gioco splendidamente inscatolato che, completo di un opuscolo che include le regole e le spiegazioni di ogni immagine rappresentata, accompagna sia nella partita che nella lettura dei tarocchi.