Quanti e quali minerali bisogna assumerne per restare in salute?

·2 minuto per la lettura
calcio quantità corretta
calcio quantità corretta

Il calcio è un minerale essenziale per restare in salute perchè contribuisce alla salute delle ossa e dei denti, inoltre anche i muscoli hanno grandi vantaggi dall’assunzione di calcio in quanto previene l’insorgere dei crampi e facilita la contrazione muscolare. La quantità giornaliera corretta di calcio da assumere non è però la stessa per tutte le persone, infatti il fabbisogno di calcio dipende dall’età. Durante l’adolescenza è essenziale assumere calcio, così come anche in età avanzata allo scopo di prevenire l’osteoporosi, una patologia che va a colpire in particolare le donne dopo la menopausa.

Qual è la quantità corretta di calcio?

La quantità corretta di calcio da assumere tramite l’alimentazione dipende dall’età degli individui. Nella fase di sviluppo c’è infatti una grande necessità di questo minerale in quanto lo scheletro si allunga e si modifica per permettere ad adolescienti e pre-adolescienti di crescere in maniera sana. Durante l’età adulta è bene consumare calcio allo scopo di mantenere le ossa e i denti forti e sani, ma è da anziani che il calcio torna ad essere essenziale in quanto con il passare degli anni le ossa tendono a diventare più fragili e hanno bisogno di essere potenziate. Secondo il Ministero della Salute, le quantità di calcio da assumere sono:

  • per neonati minori di un anno: 600 mg

  • per bambini tra l’1 e i 6 anni: 800 mg

  • per bambini tra i 7 e i 10 anni: 1000 mg

  • per adolescenti tra gli 11 e i 17 anni: 1200 mg

  • per adulti tra i 18 a i 29 anni: 1000 mg

  • per uomini tra i 30 e i 59 anni: 800 mg

  • per donne tra i 30 e i 49 anni: 800 mg

  • per uomini over 60: 1000 mg

  • per donne over 50: tra i 1200 e i 1500 mg

Alimenti ricchi di calcio

Gli alimenti che contengono quantità elevate di calcio sono soprattutto il latte e gli altri latticini come i formaggi e lo yogurt. Questo sale minerale si trova anche nel tofo, nei prodotti derivati dalla soia, nel pesce azzurro, nelle verdure verdi, nella frutta secca e nei crostacei.