Quarto Grado, mostrate nuove immagini scioccanti di Martina Patti che si reca al campo

elena del pozzo quarto grado
elena del pozzo quarto grado

“Da quanto meditava l’omicidio della piccola?” Questo è uno dei tanti interrogativi che è stato posto nel corso della puntata di Quarto Grado andata in onda venerdì 1 luglio. Sono state infatti mostrate nuove e inedite immagini nelle quali si vede Martina, nelle ore antecedenti all’omicidio, dirigersi verso il campo, prima con la Fiat 500, poi di corsa mentre fa jogging: è proprio lì che la piccola Elena sarebbe stata sepolta qualche ora più tardi.

Elena Del Pozzo, Martina Patti potrebbe aver pianificato l’omicidio in ogni dettaglio

Le immagini riprese dalla telecamera di via Turati a Mascalucia, hanno mostrato in particolare cosa è successo nell’arco di tempo che va dalle 8.54 del 13 giugno, quando Martina rincasa da una festa di compleanno di un’amica, alle ore 9.55. Circa una decina di minuti dopo essere rientrata dalla festa dell’amica, la 500 grigia di Martina si dirige verso il campo. Il punto dove il veicolo si ferma appare molto chiaro, mentre non lo è ciò che avviene in quei minuti in quanto la 500 è coperta da una siepe. Secondo gli inquirenti la donna potrebbe aver portato insieme con sé attrezzi come la pala e la zappa che avrebbe in seguito usato per seppellire e occultare il corpo.

Il nuovo ritorno nel campo

In quel campo ci tornerà anche qualche minuto più tardi, ma questa volta a piedi in tenuta da ginnastica mentre fa jogging. Passano circa una quarantina di minuti da quel momento. Sarebbe stato in questo preciso frangente che sarebbe stata scavata la buca. Le immagini più inquietanti, tuttavia, arrivano dopo. La 500 ripercorrerà quel tratto ancora una volta, ma con la bimba seduta, ignara di quello che le sarebbe successo più tardi. Nulla dunque da quando la andrà a prendere all’asilo la dissuaderà: l’abbraccio della piccola Elena, alla luce di ciò, fa ancora più male. Un boccone amarissimo difficile da buttare giù.

GUARDA ANCHE IL VIDEO: Omicidio Elena Pozzo, cos’è la sindrome di Medea?

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli