‘Quel giorno ho attraversato il tunnel dove era morte mia madre’: Harry racconta di quando è passato per la prima volta nel tunnel de l’Alma a Parigi


Il principe Harry ha ripercorso gli ultimi momenti di vita di sua madre, la principessa Diana, dieci anni dopo la sua morte. La principessa è morta in un incidente d'auto a Parigi nell'agosto del 1997, all'età di 36 anni, e Harry ha ora rivelato che durante la Coppa del mondo di rugby nel 2007, ha effettivamente attraversato lo stesso tunnel in cui avvenne quel fatale incidente.
In un estratto dal suo nuovo libro di memorie 'Spare' - che è stato pubblicato da PEOPLE - Harry spiega: "La Coppa del Mondo mi ha fornito un autista, e durante la mia prima notte nella Ville Lumiere gli ho chiesto se conosceva il tunnel dove mia madre…”. “Ho guardato i suoi occhi nello specchietto retrovisore diventare grandi. Il tunnel si chiama Pont de l'Alma, gli ho detto. ‘Sì, sì’. Lo sapeva”, ha aggiunto. Gli disse: "Voglio attraversarlo”. La replica: “Vuoi attraversare il tunnel?”. E ancora: “A sessantacinque miglia all'ora - per essere precisi”. L’autista replicò: “Sessantacinque?”. La risposta: “Sì. L'esatta velocità a cui si suppone andasse la macchina di mia mamma, secondo la polizia, al momento dell'incidente”.
Prima di entrare nel tunnel, Harry immaginava che sarebbe stato un "passaggio pericoloso". Ma in realtà, ha scoperto che la cosa era completamente diversa. Ha ricordato: "Siamo partiti, zigzagando nel traffico, superando il Ritz, dove la mamma ha consumato il suo ultimo pasto, con il suo compagno, quella notte di agosto. Poi siamo arrivati all'imbocco del tunnel. Abbiamo sfrecciato avanti, oltrepassato il bordo all'ingresso del tunnel, il dosso che presumibilmente ha mandato fuori rotta la Mercedes di mamma”.
“Ma non era niente. Lo abbiamo sentito a malapena. Quando l'auto è entrata nel tunnel mi sono sporto in avanti, ho visto la luce trasformarsi in una specie di arancione acqua, ho visto i pilastri di cemento sfrecciare via. Li ho contati, ho contato i miei battiti cardiaci e in pochi secondi siamo emersi dall'altra parte. Mi sono seduto. Con calma ho detto: è tutto qui? Non è... niente. Solo un tunnel dritto”, ha proseguito.
“Ho sempre immaginato quel tunnel come un passaggio insidioso, intrinsecamente pericoloso, ma era solo un tunnel breve, semplice e senza fronzoli. Non c'è motivo per cui qualcuno dovrebbe mai morire al suo interno”, ha quindi continuato.
Harry, 38 anni, in realtà ha trovato un certo grado di "chiusura del cerchio" dopo aver attraversato il tunnel, anche se non era come se lo immaginava. Ha detto: "Speravo di sentire in quel tunnel quello che avevo provato quando JLP mi ha dato i file della polizia: incredulità. Dubbio. Invece, quella fu la notte in cui tutti i dubbi svanirono. È morta, ho pensato. Mio Dio, se n'è andata davvero per sempre. Ho ottenuto la chiusura del cerchio che stavo fingendo di cercare”.