Questa glass house nel deserto messicano è un'architettura eterea sulle pendici di un vulcano spento

Di Alessia Musillo
·4 minuto per la lettura
Photo credit: Prashant Ashoka
Photo credit: Prashant Ashoka

From ELLE Decor

Riflette l'infinito questa casa detta Eterea, arroccata sopra a San Miguel de Allende - sulle pendicini del vulcano (spento) Palo Huérfano. Siamo nel cuore del Messico, sulla catena montuosa dei Los Picachos e l'architettura con vista è più di un'abitazione, è un'opera d'arte site-specific che si nutre dei raggi solari, raccoglie l'acqua piovana e si immerge nella natura in un dialogo suggestivo ed estetico. La sua superficie si estende su 800 metri quadrati: dall'esterno all'interno, il suo punto di forza è la connessione con un ecosistema remoto in cui si gode dell'armonia e della solitudine, della flora e della fauna. Tutto questo si realizza grazie alla facciata principale in vetro e rivestita con strisce riflettenti UV, che creano un'unione con il paesaggio apparentemente infinito.

Photo credit: Prashant Ashoka
Photo credit: Prashant Ashoka
Photo credit: Prashant Ashoka
Photo credit: Prashant Ashoka

A fare gli onori di casa è il suo proprietario e designer: Prashant Ashoka. "Sapevo che fosse il momento di creare qualcosa di mio", ha dichiarato al The New York Times. "Avevo sempre fantasticato di scappare nella natura, di vivere su una montagna o su una spiaggia". Così, Prashant ha deciso di acquistare un pezzetto di deserto e di costruire lì il suo castello modernista. Nella meta gettonata degli Anni Sessanta, dove anche le penne e le menti della Beat Generation come Neal Cassidy e Jack Kerouac avevano fatto visita, questo angolo lontano dall'elettricità e dalla corrente vive della sua forza ed è dimora del pensiero, dell'arte e della scrittura del suo proprietario.

Photo credit: Prashant Ashoka
Photo credit: Prashant Ashoka
Photo credit: Prashant Ashoka
Photo credit: Prashant Ashoka

La casa si ispira agli insegnamenti dell'architetto messicano Luis Barragán, ma mentre lui preferiva lavorare con i cubi, Prashant Ashoka ha preferito manipolare forme geometriche in linea con il paesaggio montuoso. Così l'esterno si sposa con i versanti circostanti mostrandosi inclinato di 120 gradi. Per questo motivo, il retro della casa - un burrone a forma di V - ospita una cascata che si fa ricca e travolgente durante la stagione delle piogge. L'abitazione è un'opera ingegneristica studiata nel dettaglio: le sue fondamenta sono state realizzate in roccia vulcanica raccolta direttamente dal luogo in cui si trova. "L'idea era quella di essere completamente isolato e senza alcuna distrazione se non la natura selvaggia che ti circonda", ha dichiarato il suo designer.

Photo credit: Prashant Ashoka
Photo credit: Prashant Ashoka
Photo credit: Prashant Ashoka
Photo credit: Prashant Ashoka

Gli interni rappresentano un mix di culture: quella del Sud-est asiatico, che richiama le origini del proprietario di casa, e quella locale, che si ispira al luogo in cui l'architettura respira. Per esempio, due lampade realizzate in iuta balinese si trovano sospese nella camera da letto, mentre la cucina è un laboratorio fatto di materiali naturali originari del Messico. In generale, entrare vuol dire imbattersi in un panorama domestico fra travi a vista del soffitto, pareti rifinite in cemento e porte scorrevoli in vetro - utili a mantenere quel senso di modernità anche in un contesto decisamente naturale e a tu per tu con un abitare vedo-non vedo. I piani di lavoro in porcellana sono compensati da armadi in noce annerito, che mostrano fieramente antichi vasi di giada provenienti da Sabah (un'isola malese del Borneo). Anche le sedute sono realizzate in noce e poggiano su un tappeto di origine turca.

Photo credit: Prashant Ashoka
Photo credit: Prashant Ashoka
Photo credit: Prashant Ashoka
Photo credit: Prashant Ashoka

La zona giorno è un taglia e cuci di provenienze differenti: il divano è realizzato in pelle di bufalo mentre il tappeto, che accompagna la passeggiata verso la vetrata, è in iuta e viene da Jaipur. Un caminetto in mattoni rossi divide il living room dalla zona notte. La nicchia privata e intima in cui dormire vive della vista imponente sulla natura ed è una risorsa preziosa dell'interior design dall'eco vintage, fra oggetti recuperati da mercatini (come un telescopio trovato a Città del Messico o un cesto XL proveniente dalla provincia cinese dello Shaanxi). Il suo designer ha dichiarato che la casa sia nata dal bagno dove una vasca free-standing in ottone, realizzata a mano dagli artigiani di Santa Clara de Cobre (nello stato di Michoacán), gode di vista e cattura lo sguardo su un'estetica che mette in relazione la bellezza e l'efficienza.

Photo credit: Prashant Ashoka
Photo credit: Prashant Ashoka
Photo credit: Prashant Ashoka
Photo credit: Prashant Ashoka

Da privato a renting, questa tenuta modernista vista deserto si potrà anche affittare per godere di un'esperienza completamente immersiva. L'nterior design dreamy, tutto da abitare, si coniuga a escursioni nella natura fra trekking di (almeno) tre ore, itinerari al galoppo e giri nel centro botanico lì vicino. Eppure, forse l'attività più semplice e sorprendente sarà godere della vista della volta celeste che si specchia sulla casa.

Photo credit: Prashant Ashoka
Photo credit: Prashant Ashoka
Photo credit: Prashant Ashoka
Photo credit: Prashant Ashoka