Raggi difende "spelacchio": sostenibile e addobbato con semplicità

Gtu

Roma, 9 dic. (askanews) - La sindaca di Roma Virginia Raggi con un post sul suo profilo Facebook difende il Natale della capitale, sottolineando che decorazioni e luci sono all'insegna della "sostenibilità", "semplicità e raffinatezza", come per il tradizionale albero di Natale in piazza Venezia. Albero che anche quest'anno ha ricevuto qualche critica, ed è stato ribattezzato "spelacchio" sui social, che ironizzano anche sulle scarse luminarie per le vie del centro. Ma la sindaca difende l'abete rosso della Val di Fiemme alto 21 metri: "E' certificato Fsc (Forest Stewardship Council) e quindi è anche conforme ai più rigorosi standard ambientali e addobbato con semplicità e raffinatezza".

"Roma - scrive infatti la sindaca sul suo profilo Facebook - si prepara per le feste di Natale: sarà un periodo ricco di iniziative e sorprese per i cittadini e i turisti che trascorreranno parte delle loro vacanze tra le nostre bellezze storiche e architettoniche. Ieri, come tradizione, abbiamo inaugurato luci e decorazioni".

"Abbiamo acceso le luci dell'albero in piazza Venezia e, contemporaneamente, chilometri di luminarie lungo tutta la città: via del Corso, piazza del Popolo e le altre piazze storiche del centro", prosegue la sindaca, aggiungendo: "Quest'anno, inoltre, abbiamo voluto illuminare tante strade anche in tutti i municipi della città: un albero per ognuno delle piccole 15 città che compongono Roma". "L'illuminazione é stata realizzata grazie alla sponsorizzazione di Acea. Mentre tutte le operazioni di montaggio e smontaggio sono espletate dal personale del Servizio Giardini", ricorda Raggi.

E - sottolinea "vogliamo che sia anche un Natale all'insegna della sostenibilità. Per questo le luci sono a basso consumo e l'abete, alto 21 metri e abbellito con oltre 600 sfere e tremila metri di luci a led, è certificato FSC (Forest Stewardship Council) e quindi è anche conforme ai più rigorosi standard ambientali e addobbato con semplicità e raffinatezza".