Razov attacca i media italiani: "Sulla Russia solo fake news. Rinunciare alle nostre forniture è vostra scelta"

Alessandro Serranò / Agf

AGI - Sulla guerra in Ucraina "sui mass media occidentali, compresi quelli italiani, vengono pubblicate cose che una persona normale può leggere e ascoltare solo per condanna di un tribunale o in stato di narcosi". Lo ha detto l'ambasciatore russo in Italia, Serghei Razov, durante la registrazione di Porta a Porta.

"Ogni giorno, per lavoro, sfoglio i principali giornali italiani e le fake news sono la cosa più leggera che si possa dire di quello che spesso viene pubblicato", ha aggiunto.

"Non so quale sia il problema col gas russo: per 50 anni abbiamo fornito in maniera stabile gas all'Europa e all'Italia senza nessun problema - ha aggiunto l'ambascoatore russo -  L'anno scorso, abbiamo fornito 30 miliardi di metri cubi ed eravamo pronti a continuare a fornirlo, ma l'Italia insieme agli alleati europei, ha deciso di liberarsi il piu' rapidamente possibile dalla dipendenza energetica russa, non è stata una scelta nostra".

Da parte russa nessuna minaccia nucleare

"Non so di quali minacce nucleari da parte russa si parli. La Russia non ha intenzione di partecipare a questa escalation". Lo ha detto l'ambasciatore russo in Italia, Serghei Razov, durante la registrazione di Porta a Porta.

"Non vi è alcuna minaccia, nè alcun ricatto"; ha proseguito, "abbiamo la dottrina di deterrenza nucleare, firmata dal presidente, che stabilisce in quali condizioni è previsto l'uso dell'atomica da parte nostra: per esempio, in caso di aggressione della Federazione con l'utilizzo di armi convenzionali e di minaccia diretta all'esistenza del nostro Stato, tutto il resto sono parole all'aria".