Respirazione bocca a bocca: ecco come farla senza commettere errori

·2 minuto per la lettura
eseguire respirazione artificiale
eseguire respirazione artificiale

Saper eseguire in modo corretto la respirazione artificiale può rivelarsi molto utile perchè, in alcune occasioni, permette di salvare la vita a persone in difficoltà. Può succedere infatti di trovarsi davanti a persone che non riescono a repirare autonomamente o che hanno labbra e unghie che stanno diventando blu. In questi casi la cosa migliore è sicuramente chiamare i soccorsi, ma in attesa che arrivino è bene aiutare il malato immediatemente tramite la respirazione bocca a bocca. Vediamo come eseguire la respirazione artificiale in modo corretto.

Come eseguire la respirazione artificiale

La prima cosa da fare davanti a una persona che non riesce a respirare o che sta male, è quella di mantenere la calma e toccare leggermente la spalla del soggetto in difficoltà. Chiedetegli se va tutto bene, se non riesce a rispondere o afferma di star male chiamate subito i soccorsi. Nel caso in cui non riesca a respirare in modo corretto, sarà necessario iniziare a praticare la respirazione bocca a bocca in attesa che arrivino i soccorsi. Per riuscire a ottenere il massimo dei benefici è bene eseguire la respirazione artificiale in modo corretto.

Tenete la mano salda e inclinate leggermente indietro la testa del soggetto e sollevategli il mento. In questo modo riuscirete ad aprire le vie respiratorie. Tenete il viso vicino al suo e guardate verso il suo petto. Verificate se il soggetto sta respirando autonomamente e cercate di ascoltare il suo respiro per capire se sta andando tutto bene. Per capire al meglio lo stato di salute, mettete il dito indice e il medio sui lati della gola, non premete troppo forte per non fargli male.

Se non sentite il respiro, stringete il naso della vittima e sollevate il mento. Appoggiate la bocca sulla sua sigillando le labbra. Soffiate lentamente ma con fermezza, fate un respiro ogni cinque secondi se è un adulto oppure ogni tre secondi se è un bambino. Guardate se il torace sale quando soffiate l’aria nei polmoni: se non si espanda cambiate posizione prima di provare. Aspettate 10 secondi e controllate il respiro. Continuate in questo modo fino all’arrivo dell’ambulanza.