Richard Branson: è il primo miliardario a volare nello spazio

·1 minuto per la lettura

Sir Richard Branson è decollato domenica 11 luglio nello spazio con il suo razzo Virgin Galactic, battendo sul tempo i celebri colleghi miliardari Elon Musk e Jeff Bezos.

Con il fondatore della Virgin Records c'erano altri tre passeggeri, oltre a due piloti, tutti entusiasti di aver completato con successo la prima missione spaziale Unity22 dedicata al trasporto di civili nello spazio.

Prima di lasciare la Terra, Branson ha firmato il diario di bordo dell'astronauta con un pizzico di ironia.

«Il nome è Branson. Sir Richard Branson. Astronauta 001. Licenza per il brivido».

Il volo è decollato poco dopo le 8:30 ora locale dallo Spaceport America nel New Mexico.

«È stata l’esperienza di una vita», ha ammesso l'imprenditore durante il volo.

«Ora sto guardando lo spazioporto, congratulazioni a tutti».

L'aereo VSS Eve, che prende il nome dalla mamma di Branson, ha raggiunto un'altitudine di oltre 50 miglia (80 chilometri) circa un'ora dopo il decollo, e l'equipaggio è stato quindi in grado di rimuovere le cinghie e sperimentare alcuni minuti di assenza di peso, secondo quando riportato dal New York Post.

Branson e l'equipaggio sono tornati sulla terra alle 9:40.

Il miliardario britannico aveva in origine pianificato la sua gita spaziale per la fine dell'estate, anticipando però i suoi piani per non permettere al capo di Amazon, Jeff Bezos, di compiere per primo l’impresa, programmata per il 20 luglio.

«È fantastico iniziare la mattinata con un amico. Mi sento bene, mi sento eccitato, mi sento pronto», ha twittato Branson tre ore prima del decollo, insieme ad una foto con il fondatore di SpaceX, Elon Musk.

Il capo della Virgin è stato accompagnato nel volo spaziale dagli astronauti Sirisha Bandla, Colin Bennett e Beth Moses.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli